Er Papa a Testaccio

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Er Papa a Testaccio di Armando Marchetti

– Pronto, qui parla er Cardinal Vicario,
io co’ chi parlo? parlo cor Curato ?
– Sì, sì Eminenza, ha proprio indovinato.
– Allora, sverto, pija er calendario
e segna ch’er quattordici gennaro,
er Papa vie’ a Testaccio. Ciao caro!
– Pronto, Eminenza, stamo a carnevale,
Lei vo’ scherza’?! S’è vero, come faccio,
co’ poco tempo, a preparà er Testaccio
p’accoje er Papa in modo congeniale?!…
– Er tempo è poco, sì, lo riconosco;
ma sei o nun sei un fijo de Don Bosco?!
Don Claudio, vero fijo a tanto Padre,
inorgojito tutto pe’ l’onore,
dette la bella nova ar Direttore
e, a brutto grugno, ha detto a la Gran Madre:
– Madonna mia, quer giorno nun fa piove
e fa ch’er Papa ce dia armeno nove!…
L’effetto de ‘st’esplicite preghiere,
s’è visto presto: tanti Testaccini,
Ommeni, donne, vecchi e regazzini,
de la Parocchia, fecero un cantiere.
Ognuno c’ebbe un compito preciso
come, ner programma’, s’era deciso.
Chi po’ descrive quello ch’è successo?!
Chi s’era improvvisato muratore,
chi falegname, chi verniciatore…
Don Claudio faticava pe’ sta appresso
a gente che, ar momento, ha fatto vede
sicché vordi’ “Communità de Fede”!
Tanta dorce fatica fu premiata
da l’arivo d’un Papa così umano
che te viè incontro a strignete la mano,
che porta , tra la folla entusiasmata,
ortre a la Dignità Pontificale,
un soriso simpatico e cordiale.
Ma er momento più bello e commovente
fu quello de la splendida omelia;
quanno ce disse de fida’ in Maria
che a Testaccio cià un Titolo eloquente
ch’è un richiamo alla vera Libbertà:
quella che solo Cristo ce po’ da’!!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here