Io e te – Enzo Jannacci

wikitesti dediche enciclopedia

Colonna Sonora

È la colonna sonora dei seguenti film:

Album

È contenuto nei seguenti album:

1972 Enzo Jannacci
1979 Fotoricordo
1989 30 Anni senza andare fuori tempo

WikiTesti è un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Io e te – Enzo Jannacci di Enzo Jannacci

Io e te
io e te che ridevamo
io e te che sapevamo
tutto il mondo era un bidone
da far rotolare…si’
Si’ perche’
la bellezza dei vent’anni
e’ poter non dare retta
a chi pretende
di spiegarti l’avvenire,
e poi il lavoro e poi l’amore…
Si’ ma qui
che l’amore si fa in tre
che lavoro non ce n’e’
l’avvenire e’ un buco nero
in fondo al dramma
Si’, ma allora,
ma che gioventu’ che e’,
ma che primavera e’…
e la tristezza
e’ li’ a due passi
e ti accarezza
e ride…… lei
Si’ ma qui,
che l’amore si fa in tre
che lavoro non ce n’e’
l’avvenire e’ un buco nero
in fondo al dramma
Si’, ma allora,
ma che gioventu’ che e’
ma che primavera e’..
e la tristezza e’ li’ a due passi
e ti accarezza
e ride….. lei

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

In queste pagine troverai Testi e Accordi delle varie Canzoni e dei loro Album, oltre a Video, Midi e Karaoke.

Accordi

 
G6 Am7 G6 Am7 Em7 Am7 Em7 Am7 D7 GM7 C B7 Em    Am7


                                          Io e te io e 

                Em9                  A                  B

te che ridevamo io e te che sapevamo tutto il mondo era un 

                                    Am7                            G6

bidone da far rotolare... si' Si' perche' la bellezza dei vent'anni e' 

                     A                        B7

poter non dare retta a chi pretende di spiegarti l'avvenire, e poi il 

       B                       D7                          Em

lavoro e poi l'amore... Si' ma qui che l'amore si fa in tre che 

                   Am6                      Em7

lavoro non ce n'e' l'avvenire e' un buco nero in fondo al 

               Am7                              Em

dramma Si', ma allora, ma che gioventu' che e', ma che primavera 

                            B                          Em

e'... e la tristezza e' li' a due passi e ti accarezza e ride...... 


   C6 GM7 C F#m7 Am GM7 C6 F#m Am9                Bm7


lei                            Si' ma qui, che l'amore si 

                C6                       B7

fa in tre che lavoro non ce n'e' l'avvenire e' un buco nero in fondo 

        Em7                      Bm7                        Am7

al dramma Si', ma allora, ma che gioventu' che e' ma che primavera

                           B

       e'.. e la tristezza e' li' a due passi e ti accarezza e ride..... 


Em7   Gm6 Em7 Gm6 Em7


lei                   

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Questo testo è contenuto nelle seguenti categorie:

3 Responses

  1. Alberto scrive:

    “l’avvenire è un buco nero in fondo al TRAM”, NON “… al dramma”, che non vuol dire niente. Chi è di Milano e prende i tram per andare al lavoro sa bene di cosa si parla. Per piacere, correggete. Grazie.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, presti il consenso all’uso di tutti i cookie Maggiori informazioni | Chiudi