Argilla


Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Argilla di Otto ohm

1° maggio festa del lavoro per chi cell’ha
Luridi costringete a mutazioni animi
Soltanto per dividervi quegli utili
Introiti che cambiano la vita di quelle persone
E abbelliscono facciate delle vostre fabbricane
Galere in cui non gli dai il culo ma è lo stesso
Tanto ti hanno già spremuto a dovere

LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE

ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE

LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE

MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Chi è in cerca di fortuna
Chi è stanco di cercarla
E chi per poter vivere è costretto a darla
Chi ci’ha le gambe gonfie con le buste della spesa
Chi ha perso l’innocenza per la strada
Chi parte da lontano con laurea e mestiere
E ……. ad arrivare a fine mese

LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE

ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE

LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE

MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Chi sceglie la via comoda e fa il carabiniere
Chi ci’ha due figli al collo e manco mille lire
Chi ci’ha due brillanti appesi che valgono miliardi
E c’è chi non ha neanche da mangiare
Se tu mi chiedi la tua strada qual è io ti rispondo
Che no non lo so perché ancora cerco
Di essere libero libero libera dentro di me
Dentro di me di non essere più schiavo schiavo
Schiava del lavoro ma il lavoro qual è????
Libero di scegliere libero di scegliere libera di scegliere
Essere me stesso essere me stesso essere me stessa
Lanciami la lenza lanciami la lenza
Mentre brindo a quelle cose che non ho voluto fare
Libero di scegliere in ogni situazione
Essere me stesso anche in questa dimensione

LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE

ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE

LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE

MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Questione di opinioni che viaggiano distanti
Non possono congiungersi se mancano i contanti
Ci’hanno lo statuto loro e tu sei il bergigotto
Che sogna ancora i miliardi al superenalotto
E forse ti accontenti perché non hai scelta
E di arrivare in fondo neanche ti importa

LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE
LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE
MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE
LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE X4

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
INTRO E STROFA : MI- DO

1° maggio festa del lavoro per chi cell'ha
Luridi costringete a mutazioni animi
Soltanto per dividervi quegli utili
Introiti che cambiano la vita di quelle persone
E abbelliscono facciate delle vostre fabbricane
Galere in cui non gli dai il culo ma è lo stesso
Tanto ti hanno già spremuto a dovere
DO    RE
LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
MI-     RE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE
DO    RE
LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE
MI-     RE
MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Chi è in cerca di fortuna
Chi è stanco di cercarla
E chi per poter vivere è costretto a darla
Chi ci'ha le gambe gonfie con le buste della spesa
Chi ha perso l'innocenza per la strada
Chi parte da lontano con laurea e mestiere
E ....... ad arrivare a fine mese
DO    RE
LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
MI-     RE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE
DO    RE
LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE
MI-     RE
MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Chi sceglie la via comoda e fa il carabiniere
Chi ci'ha due figli al collo e manco mille lire
Chi ci'ha due brillanti appesi che valgono miliardi
E c'è chi non ha neanche da mangiare
Se tu mi chiedi la tua strada qual è io ti rispondo
Che no non lo so perché ancora cerco
Di essere libero libero libera dentro di me
Dentro di me di non essere più schiavo schiavo
Schiava del lavoro ma il lavoro qual è????
Libero di scegliere libero di scegliere libera di scegliere
Essere me stesso essere me stesso essere me stessa
Lanciami la lenza lanciami la lenza
Mentre brindo a quelle cose che non ho voluto fare
Libero di scegliere in ogni situazione
Essere me stesso anche in questa dimensione
DO    RE
LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
MI-     RE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE
DO    RE
LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE
MI-     RE
MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE

Questione di opinioni che viaggiano distanti
Non possono congiungersi se mancano i contanti
Ci'hanno lo statuto loro e tu sei il bergigotto
Che sogna ancora i miliardi al superenalotto
E forse ti accontenti perché non hai scelta
E di arrivare in fondo neanche ti importa

LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE
LANCIAMI LA LENZA SE MI VUOI FAR ABBOCCARE
MENTRE BRINDO A QUELLE COSE CHE NON HO VOLUTO FARE
LIBERO DI SGEGLIERE IN OGNI SITUAZIONE
ESSERE ME STESSO ANCHE IN QUESTA DIMENSIONE  X4

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here