Bar Mario

Album

È contenuto nei seguenti album:

1989 Anime in plexiglass
1997 Su e giù da un palco
2007 Primo tempo

Testo Della Canzone

Bar Mario di Ligabue

Il buio arriva ma non e’ troppo spietato
C’e’ qualche stella e’ come un disegno spezzato.
Qualche lampione piccolo lume isolato freddo e perduto.
Le strade vuote non c’e’ neanche il classico cane
Ha vinto ancora signora televisione
Signora o troia agita il culo sembra con intenzione
Il commendatore gioca la carta sbagliata
il suo compagno proprio non l’ha digerita
pero’ sta zitto tanto con lui non si vince mai una partita
Bistecca intanto urla per una primera
e sul suo letto si sta ballando un bolero
sua moglie brucia di febbre di vita e si sta facendo le cure
La guardia si fa un caffe’ e poi se ne va
Mario da’ un colpo di straccio al banco del bar
Mario da’ un colpo di straccio al banco del bar
In quattro stanno sfasciando il bigliardino
fra lui e loro fanno un po’ troppo casino
si alza il grosso che dice: *Muti!* e poi tira via le palline
Il cavaliere torna dalla cavalcata
saluta Mario che chiede beh, com’e’ andata
lui con le dita fa un numero esagerato proprio impossibile
Dice: *Dammene una e segnamela*
Mario sputa e tira fuori i conti del bar
Mario impreca e tira fuori i conti del bar
Mario sbuffa e tira fuori i conti del bar
Il gatto segna il territorio a suo modo
che sia ben chiaro a qualsiasi altro felino
a meno che sia un bestione violento ed assassino
Si sente un tuono ma e’ solo rombo che passa
lo stereo a balla cento watt buoni per cassa
il grosso gli urla dove andare e poi gli fa anche la mossa
Tanto rombo domani ripassera’
Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar
Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar
Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
G
Il buio arriva ma non e' troppo spietato
C'e' qualche stella e' come un disegno spezzato.
C                                     G
Qualche lampione piccolo lume isolato freddo e perduto.
G
Le strade vuote non c'e' neanche il classico cane
Ha vinto ancora signora televisione
C                                    G
Signora o troia agita il culo sembra con intenzione

Il commendatore gioca la carta sbagliata
il suo compagno proprio non l'ha digerita
pero' sta zitto tanto con lui non si vince mai una partita

Bistecca intanto urla per una primera
e sul suo letto si sta ballando un bolero
sua moglie brucia di febbre di vita e si sta facendo le cure

D                                      C
La guardia si fa un caffe' e poi se ne va
                                            G    C G
Mario da' un colpo di straccio al banco del bar
G                                           C  G
Mario da' un colpo di straccio al banco del bar
C7+                   C                     G
Mario da' un colpo di straccio al banco del bar


In quattro stanno sfasciando il bigliardino
fra lui e loro fanno un po' troppo casino
si alza il grosso che dice: *Muti!* e poi tira via le palline

Il cavaliere torna dalla cavalcata
saluta Mario che chiede beh, com'e' andata
lui con le dita fa un numero esagerato proprio impossibile

Dice: *Dammene una e segnamela*

Mario sputa e tira fuori i conti del bar
Mario impreca e tira fuori i conti del bar
Mario sbuffa e tira fuori i conti del bar

Il gatto segna il territorio a suo modo
che sia ben chiaro a qualsiasi altro felino
a meno che sia un bestione violento ed assassino

Si sente un tuono ma e' solo rombo che passa
lo stereo a balla cento watt buoni per cassa
il grosso gli urla dove andare e poi gli fa anche la mossa

Tanto rombo domani ripassera'

Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar
Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar
Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here