Caldo e scuro

Album

È contenuto nei seguenti album:

2001 Amore nel pomeriggio

Testo Della Canzone

Caldo e scuro di Francesco De Gregori

Sono venuto nella tua città un giorno, era caldo e scuro
Poteva essere mezzogiorno, ma non ne sono sicuro
Avevo tempo da perdere, da guadagnare niente
Non c’eri tu nell’aria, sensibilmente
C’erano macchine ferme sulla tangenziale,
e occhi al finestrino che respiravano male
Avessi almeno potuto scendere e fermarmi a mangiare
Ma i ristoranti erano tutti pieni e non avevo fame
E sono entrato in un portone e dentro un grande ascensore
E mi hanno fatto domande sulla mia vita interiore
Ed in qualcuna delle mie risposte c’era il tuo nome
Mentre la tua città prendeva fuoco sotto al sole
Così mi son sentito piccolo come un chicco di grano
Quando ho guardato la tua foto sul muro ed ero già lontano
Tu sorridevi a qualcuno, qualche anno prima
Ed io ho pensato, sarà meglio lasciare questa città
prima che sia mattina
Ed ho imparato che l’amore insegna ma non si fa imparare
E ho giocato a nascondermi e a farmi trovare
Ed ho provato a smettere di bere e a ricominciare
E sono stato bene, e sono stato male

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

     
D G D9 

Bm                 G               D                  A
Sono venuto nella tua citta' un giorno,  era caldo e scuro

Bm                G           D                  A
Poteva essere mezzogiorno,  ma non ne sono sicuro

G               C            Cmin             G
Avevo tempo da perdere, da guadagnare niente

D         F#min     Emin      Bb     A
Non c'eri tu nell'aria, sensibilmente

Lo stesso per tutte le strofe /same for rest of tune)

C'erano macchine ferme sulla tangenziale, e occhi al finestrino  che respiravano male
Avessi almeno potuto scendere e fermarmi a mangiare
Ma i ristoranti erano tutti pieni e non avevo fame

E sono entrato in un portone e dentro un grande ascensore
E mi hanno fatto domande  sulla mia vita interiore
Ed in qualcuna delle mie risposte  c'era il tuo nome
Mentre la tua citta' prendeva fuoco  sotto al sole

Break (Instrumental, come prima/as before)

Cosi' mi son sentito piccolo come un chicco di grano
Quando ho guardato  la tua foto sul muro 
ed ero gia' lontano Tu sorridevi a qualcuno, qualche anno prima
Ed io ho pensato, sara' meglio lasciare 
questa citta'  prima che sia mattina

Ed ho imparato che l'amore insegna  ma non si fa imparare
E ho giocato a nascondermi  e a farmi trovare
Ed ho provato a smettere di bere  e a ricominciare
E sono stato bene, e sono stato male        

***

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here