Canzone all’entrata – Caparezza

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Canzone all’entrata – Caparezza
Scusate, scusate non spingete
ragazzi ve lo chiedo per favore

In coda si chiedono cosa architetti di strano
“Io?! Cosa architetto di strano?”
Boh, pensavo a Lucia Mondella nel letto che dice “Renzo, Piano!”
Vengo da te, dove sei finito?, fuggo da te, “sei finito!”
Fa parte del gioco come il sorriso nella tua foto di rito
Come quando ti accuso di darmi sempre torto, è parte del gioco
Se mi rispondi che non è vero, mi hai dato torto, è parte del gioco
Questo è l’album che non vedi l’ora di sentire
Soprattutto tu che non vedi l’ora di dissentire

Non mi chiamare più Capa, chiamami pala eolica sulla statale
Se per le rime che scrivo (schivo) provi un trasporto eccezionale
Se invece sta roba ti provoca dissenteria, tu dillo di pancia
Sono abituato ai piedi in faccia, sono della bilancia
E non parlo di ghetto perché io vengo dalla terra di Banfi
Se parlassi di ghetto tu capiresti l’animaletto coi baffi
Se mi stai ascoltando e pensi “Capa, ma che pezzo originale”
Sei più banale dell’allusione sessuale sulle banane
Amici miei, amici miei
Non dite cose messe alla caz*o come gli effetti del CDJ

Biglietti
eccolo prego
grazie.

Biglietto
no, io sono l’autore del disco
ok ma il suo collega no
ma come io no
guardi che io devo entrare per forza e lo chiede a lui
e.. mi spiace ma bisogna essere più alti di così
cosi come?

 

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale
con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

 

 

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here