Da quel giorno d’aprile


Testo Della Canzone

Da quel giorno d'aprile di Canzoni politiche

M. Lippi
Anno 1971

Da quel giorno dell’aprile del ‘71 lottiamo contro Agnelli ed i padroni;
sfruttatori come loro, no, nel mondo non ce n’è.
l’operaio si fa il culo con il cottimo che c’è, con la mano sulla leva,
con il piede pigia là, con la punta del pisello un bottone pigierà.

Ma noi che siamo uniti e tutti insieme, allor ci ribelliamo e scioperiamo;
con il fumo che aspiriamo, con la polvere che c’è,
silicosi noi prendiamo e gastrite pure e è,
l’epatite e la nevrosi tutti quanti noi prendiam
e per queste malattie il rimedio no, non c’è.

Per liberarci tutti da questi dolori, dobbiamo schiacciar tutti gli sfruttatori,
che ci fan pagare caro tutto quello che compriam
e alla fin ci fan pagare amiche l’aria che respiriam.

E giunti a questo punto, cari compagni, con la lotta di classe andiamo avanti;
per le strade ed i paesi, nei quartieri anche in città
e persin nelle campagne questa voce noi portiam: è una lotta proletaria,
che alla fine riuscirà ad abbattere i padroni e a cambiare la società

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here