E allora


Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

E allora di Canzoni Napoletane

Armando Gill

Nel tram di Posìllipo, al tempo dell’está,
un fatto graziosissimo, mi accadde un anno fa;
Il tram era pienissimo, ‘a miezo, ‘a dinto e ‘a fora,
quando, alla via Partènope, sagliette na signora!

E allora?…

E allora io dissi subito: “Signora, segga qua!”
Rispose lei: “Stia comodo, vedrá che ci si sta…
si stríngano, si stríngano, per me c’è posto ancora…”
E quase ‘nzino, ‘ndránghete…s’accumudaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, dietro all’angolo, mi strinsi ancora un po’…
lei rise e poi, guardandomi, le gambe accavalciò…
Io suspiraje vedennole tanta na gamba ‘a fora,
comme suspiraje Cesare pe ccosce da signora!

E allora?…

E allor dissi: “E’ di Napoli?” “No, mi sun de Milan!”
“Fa i bagni qua, certissimo!” “No, mi parto duman…
Vorrei vedere Frìsio, non visto mai finora…”
“Se vuole, io posso…” “Oh, grazie!…” E s’ammuccaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, po’, addunánnome ca dinto trammuè,
‘a gente ce guardava, dissi: “Signó’, scendé’…”
E mme pigliaje nu taxi a vinte lire a ll’ora…
e a Frìsio ce ne jèttemo, io sulo, cu ‘a signora!

E allora?…

E allora, senza scrupoli, mm’accummenciaje a lanzá…
ma lei, con fare ingenuo, mi disse: “Oh, ciò non sta…
Andiamo prima a Frìsio, mangiamo e, di buonora…
io sto all’Hotel Vesuvio, lei mi accompagna…e allora…”

E allora?…

E allora io feci subito “necessita virtù”…
Ma a Frìsio ce magnajemo duiciento lire e cchiù…
Turnanno, immaginateve, stevo cu ll’uocchie ‘a fore…
Finché all’Hotel Vesuvio, scennette cu ‘a signora…

E allora?…

Qui viene il graziosissimo ca, jenno pe’ trasí,
a tutti presentávami: “Presento mi’ marí’!…”
Mm’avea pigliato proprio pe’ nu cafone ‘e fora…
E ghièttemo ‘int
a cammera e s’assettaje ‘a signora!

E allora?…

E allora, mentre proprio ‘a stevo p’abbracciá,
vicino ‘a porta…Ttùcchete…sentette ‘e tuzzuliá…
“Chi sarrá maje ‘sta bestia? Si mandi alla malora!…”
Nu cameriere in smoking, cu ‘o cunto da signora!…

E allora?…

E allora ce guardajemo, curiuse, tutt’e tre…
Lei prese il conto e…”Págalo: duemila e ottantatré…”
Cu na penzata ‘e spíreto diss’io: “Mo, nun è ora!”
E il cameriere pratico: “Pardon, signor…signora!…”

E allora?…

E allora lei fa: “Sei stupido!…” “Qua’ stupido, madá’:
Ciento lirette ‘e taxi, duiciento pe’ magná…
Duimila e tanta ‘e cámmera…e chesto che bonora!…
Ccá ce vó’ ‘o Banco ‘e Napule, carissima signora!

E allora?…

E allora, senza aggiungere manco nu “i” e nu “a”,
pigliaje ‘o cappiello e, sùbbeto, mme ne scennette ‘a llá…
Truvaje ancora ‘o taxi: “Scioffer…pensione Flora!…”
E ghiette a truvá a Amelia ca mm’aspettava ancora…

E allora?…

E allora ebbi la prova di una grande veritá:
Ch
a via vecchia, pa nova, nun s’ha da maje cagná

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Re  La7  Re

Re                                  La7
Nel tram di Posillipo, al tempo dell'està,
                                          Re
un fatto graziosissimo mi accadde un anno fa:
   Mib7                                        La7
il tram era pienissimo 'a miezo,'a dinto e 'a fora
                   Mib7                      La7
quando alla via Partenope sagliette 'na signora!

E allora?

(come sopra)
E allora io dissi subito: Signora segga quà!
Rispose lei: Stia comodo, vedrà che si ci stà,
si stringano, si stringano, per me c'è posto ancora...
E quase nzine,ntranghete, s'accummudaje 'a signora!

E allora?

E allora dietro all'angolo mi strinsi ancora un pò,
lei rise e poi guardandomi la gambe accavalciò.
Io suspiraje vedennele tante na gamba 'a fore,
comme suspiraje Cesare p''e cosce d''a signora!

E allora?

E allor dissi: E' di Napoli? No! Mi sun de Milan.
Fa i bagni quì certissimo; No! Mi parto duman.
Vorrei vedere Frisio, non visto mai finora!
Se vuole io posso. Oh! grazie!...E se ammuccaje 'a signora!

E allora?

E allora pò addunanneme ca dint'ò trammuè
'a gente ce guardavene, dissi io Signò scendè.
E me pigliaie nu taxi a vinte lire a l'ora
e a Frisio ce ne ietteme io sulo c''a signora!

E allora?

E allora senza scrupoli m'accummiciaje a lanzà
ma lei con fare ingenuo mi disse: Oh ciò non stà.
Andiamo prima a Frisio, mangiamo e di buon'ora...
Io sto all'Hotel Vesuvio, Lei mi accompagna...

E allora?

E allora io feci subito necessita vitù.
ma a Frisio ce magnaime duecento lire e cchiù
Turnanno immaginateve; stevo cu ll'uocchie 'a fore...
Finchè all'Hotel Vesuvio scennette cu 'a signora!

E allora?

Quì viene il graziosissimo; ca ienne pe' trasì
a tutti prensentavami: Presento mi marì!
M'avea pigliato proprio pe' nu cafone 'e fora...
e gliettemo int'a cammera e s'assettaje 'a signora!

E allora?

E allora mentre proprio 'a stevo p'abbraccià
vicino 'a porta: tucchete, sentette 'a tuzzulià:
Chi sarà maie sta bestia, si mandi alla malora...
Nu cameriere in smoking c''o cunto d''a signora!

E allora?

E allora ce guardaime curiuse tutt'e tre..
lei prese il conto: "E pagalo! Duemila ottantatre"
Cu 'na penzata 'e spirito dissi io: mo nun è ora!
E il cameriere pratico: "Pardon Signor...Signora!"

E allora?

E allora lei fa: "Sei stupido!" Qua stupido madà,
ciento lirette 'e taxi, duciento pe mangià
duemila e tante 'a cammera, e chesto che bonora,
ccà ce vò 'o banco 'e Napule, carissima Signora!

E allora?

E allora senza aggiungere manco na i 'e na a.
Pigliaje 'o cappiello e subbeto me ne scennette 'a llà
Truvaie ancora 'o taxi: chauffeur, Pensione Flora...
E ghiette a truvà Amelia...ca m'aspettava ancora...

E allora?

  Re                                   La7
E allora io ebbi prova di una grande verità
Sib7                                               Mib
Ch'aa via vecchia p''a nova nunn s'adda maje cagnà!!	

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here