Federico e Salvatore


Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Azz…

Testo Della Canzone

Federico e Salvatore di Federico Salvatore

Benedico quella tetta
Che mi ha fatto bello e fico
La succhiavo giorno e notte
E mi chiamo Federico… E’ vero!
Io che stavo all’altra zizza
E soffiavo ore e ore
Non crescevo manco ‘o cazzo
E mi chiamo Salvatore… Azz!

Papà era un contino e veniva ‘a Portofino
Faceva tre chilometri ‘e futing ogni mattino
E quel giorno lui prese a mammà sul suo Ferrarino
E lasciò sul suo corpo un odore e profumo Moschino!
Papà era un burino e veniva d’Avellino
Faceva tre chilometri cu’ ‘nu litro e mezzo ‘e vino
E quel giorno lui prese a mammà in uno sgabuzzino
La stordì con un bacio d’amore…caciotta e pecorino!

Quando io venni al mondo papà suonava il pianofotte
Mammà come mi vide mi strinse fotte fotte!
E così, tutta Napoli seppe di questi miei natali
Perché quando io nacqui fu scritto sui giornali.
Quando io venni al mondo papà suonava la zampogna
Mammà come mi vide… sputò in faccia alla cicogna!
E soltanto i parenti più stretti che mi vennero a trovare
Nell’acqua del bagnetto mi volevano affogare!

Compivo quattro anni (è vero!) il 12 febbraio
Fu fatto il testamento in presenza del notaio
Fra tutti gli invitati (ricordo) con grande commozione
Papà mi consegnò le palle del blasone!
Compivo quattro anni il 12 febbraio
Papà pe’ ‘na cambiale…fu chiamato dal notaio
Di tutti gli invitati venne solo il macellaio
E sulla torta c’era scritto:”Totore! Puozze passà ‘nu guaio! Azz!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Fm A#m C7

Fm                                Fm
BENEDICO QUELLA TETTA CHE MI,HA FATTO

BELLO,E FICO LA SUCCHIAVO GIORNO,E NOTTE

E, MI CHIAMO FEDERICO IO CHE STAVO ALL'ALTRA ZIZZA E SOFFIAVO ORE, E ORE

NUN CRISCEVO MANC''O CAZZ E MI CHIAMO SALVATORE

E' VERO PAPA' ERA UN CONTINO E VENIVA,A PORTOFINO

    A#m                                Fm
FACEVA TRE CHILOMETRI 'E FOOTTING OGNI MATINA

       F                                      A#m
E QUEL GIORNO LUI PRESE,A MAMMA' SUL SUO FERRARINO

    Fm                                         Fm
E LASCIO' SUL SUO CORPO UN ODORE 'E PROFUMO  MOSCHINO

                                     C7
PAPA' ERA UN BURINO E VENIVA D'AVELLINO

    A#m              C                       Fm
FACEV TRE CHILOMETRI CU' NU' LITR'E MMIEZ''E VINO

       F7                                       A#m
E QUEL GIORNO LUI PRESE,A MAMMA' IN UNO SGABUZZINO

       Fm
LA STORDI' CON UN BACIO D'AMORE...

C                   Fm
CACIOTT''E PECORINO QUANDO, IO VENNI,AL MONDO, PAPA'

                C7    A#m
SUONAVA IL PIANOFORTE MAMMA' COME MI VIDE...

C                       Fm     F
MI STRINSE... FORTE, FORTE E COSI'

                F7                     A#m
TUTTA NAPOLI, SEPPE DI QUESTI MIEI NATALI..

        Fm
PERCHE' QUANDO IO NACQUI...

C                    Fm
FU SCRITTO SUI GIORNALI

QUANDO IO VENNI,AL MONDO, PAPA' SUONAVA LA ZAMPOGNA

                                             C7
MAMMA' COME MI VIDE... SPUTO',IN FACCIA ALLA CICOGNA

                     A#m
E SOLTANTO,I PARENTI PIU' STRETTI CHE MI VENNERO,A TROVARE... 

C
NELL'ACQUA DEL BAGNETTO...MI VOLEVANO AFFOGARE

Fm                      F
COMPIVO QUATTRO ANNI IL DODICI FEBBRAIO FU FATTO,IL TESTAMENTO...

                F7
IN PRESENZA DEL NOTAIO FRA TUTTI GLI,INVITATI

           A#m                              Fm
CON GRANDE COMMOZIONE PAPA' MI CONSEGNO'... LE PALLE DEL BLASONE

                C                                     Fm      A#m C7
COMPIVO QUATTRO ANNI IL DODICI FEBBRAIOPAPA' PE' 'NA' CAMBIALE    

Fm
FU CHIAMATO DAL NOTAIO

DI TUTTI GLI,INVITATI VENNE SOLOIL MACELLAIO

               C7
E, SULLA PORTA C'ERTA SCRITTO...

A#m
TOTO'... PUOZZ PASSA'NU' GUAIO.!!!!. 

C Fm F F7 A#m Fm C Fm C7 A#m C Fm F7 A#m Fm C Fm

***

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here