I miei anni – Nomadi

The music band Nomadi on a terrace. From left, Umberto Maggi, Augusto Daolio, Beppe Carletti, Paolo Lancellotti, Chris Dennis. Asiago (VI), Italy, 1974.

Album

E’ˆ contenuto nei seguenti album:

1977 Noi ci saremo
1999 SOS con rabbia e con amore
2003 Nomadi quaranta (disc 1)

WikiTesti è un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

I miei anni – Nomadi

Ho corso questi anni come gli ultimi che avevo,

con la paura davanti della gioventù che perdevo.

Con lo sfasciarsi delle assi della barca fra la corrente

misto di coscienza, illusione resta niente.

Con lo sfasciarsi delle assi della barca fra la corrente

misto di coscienza, illusione resta niente.

Ho corso questi anni senza mai guardarmi indietro,

passando fra tanta gente come un tazza di vetro;

filtrando tutti i raggi con la limpida corazza,

stando bene attento a non rompere la tazza.

Filtrando tutti i raggi con la limpida corazza,

stando bene attento a non rompere la tazza.

Ho corso questi anni mescolando rabbia, amore,

che non so se il bilancio sia stupore o rancore;

ma la sensazione di aver mistificato,

che non rimpiango niente del passato.

Ma la sensazione di aver mistificato,

che non rimpiango niente del passato.

Ed ora che le rapide sembrano finire,

si addolcisce la rabbia ma non riesco a dormire;

e mi domando se comincio ad invecchiare

o sto cambiando modo di lottare.

E mi domando se comincio ad invecchiare

O sto cambiando modo di lottare.

Lottare, lottare.

Lottaaare, lottare.

Lottaaare, lottare.

 

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore.
WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

 

Accordi

   
   DO
Ho corso questi anni
                     SIb                     (DO SIb)
come gli ultimi che avevo
    DO
con la paura davanti
                   SIb                      (DO SIb)
della gioventù che perdevo
                   FA
con lo sfasciarsi delle assi
         DO
della barca fra la corrente
                 SIb
misto di coscienza e illusione
         DO
resta il niente.

Ho corso questi anni
senza mai guardarmi indietro
passando fra tanta gente
come una tazza di vetro
filtrando tutti i raggi
con la limpida corazza
stando bene attento
a non rompere la tazza.

Ho corso questi anni
mescolando rabbia e amore
e non so se il bilancio
sia stupore o rancore
ma ho la sensazione
di aver mistificato
che non rimpiango niente
del passato.

Ed ora che le rapide
sembrano finire
si addolcisce la rabbia
ma non riesco a dormire
e mi domando se
comincio a invecchiare
o sto cambiando
modo di lottare.

Lottare. Lottare.

FINALE:  FA DO SIb DO


Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here