Incontri – Trilussa

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Incontri – Trilussa di Trilussa

di Trilussa

I

Uh, scusi, nu’ l’avevo conosciuta:
lei sta benone… – E come vô che stia!
Doppo la sbiossa de la malatia,
pe’ quanto ho fatto nun me so’ riavuta.

– E ‘sta pupetta? – È la nipote mia.
– Come? Davero? Dio, com’è cresciuta!
– Presto, Mafalda, sbrighete, saluta,
diglie come te chiami, tira via…

– Mafalla… – E poi? – Mafalla ai suoi tommanni…
– Discorre co’ ‘na grazzia che innamora!
E adesso ch’età cià? – Nun ha cinqu’anni.

– Quant’è caruccia! – E avrebbe da vedella
quanno che vô rifà quarche signora,
come se tira su la vestarella!

II

Ha preso de la madre… guardi el naso…
E se sapesse come è inteliggente!
Fa la «Cavalleria» che, se la sente,
nun sbaja d’una nota! Nun c’è caso!

Su, cantela, Mafalda, essi ubbidiente…
– «E su la potta tua lo sangue spaso
si nun ce tovo a tia manco ce taso..»
– Ma sa che la fa bene veramente?…

– Nun ce se crede quanto è giudizziosa,
come risponde bene a le domande:
ce provi un po’… glie chieda qualche cosa…

– Vôi bene a nonna? – Tanto! – E a mamma? – Si.
– E, dimme, che vôi fa’ quanno sei grande?
– Dillo, Mafalda… – Voglio fa’ pipì…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here