La piroga

Testo Della Canzone

La piroga di Canti Scout

La notte è piena di stelle,

ci fa sognare le storie più belle, più belle, più belle.

Tu sogni e guardi lontano,

vedi un gran fiume che scorre pian piano, pian piano, pian piano.

Sul fiume c’è una piroga

e dentro questa c’è un negro che voga, che voga, che voga.

Intanto dietro la duna

vedi pian piano spuntare la luna, la luna, la luna.

Il negro lascia il vogare,

guarda la luna e si mette a pregare, pregare, pregare.

“Ti prego, o Madre Luna,

dona al mio popol ricchezza e fortuna, fortuna, fortuna.”

“Proteggi tutte le greggi,

fa che il mio popol rispetti le leggi, le leggi, le leggi.”

“Proteggi l’acqua del fonte,

l’erba del piano, le piante del monte, del monte, del monte.”

“Proteggi, o figlia del mare,

questo tuo negro che ti sta a pregare, pregare, pregare.”

Intanto dietro la duna

vedi pian piano calare la luna, la luna, la luna.

Il negro lascia il pregare,

guarda la luna e riprende a vogare, vogare, vogare.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
      RE-          DO              FA

La notte è piena di stelle,

SOL         RE-             DO             RE-             LA7               RE-

ci fa sognare le storie più belle, più belle, più belle.

 

Tu sogni e guardi lontano,

vedi un gran fiume che scorre pian piano, pian piano, pian piano.

 

Sul fiume c’è una piroga

e dentro questa c’è un negro che voga, che voga, che voga.

 

Intanto dietro la duna

vedi pian piano spuntare la luna, la luna, la luna.

 

Il negro lascia il vogare,

guarda la luna e si mette a pregare, pregare, pregare.

 

“Ti prego, o Madre Luna,

dona al mio popol ricchezza e fortuna, fortuna, fortuna.”

 

“Proteggi tutte le greggi,

fa che il mio popol rispetti le leggi, le leggi, le leggi.”

 

“Proteggi l’acqua del fonte,

l’erba del piano, le piante del monte, del monte, del monte.”

 

“Proteggi, o figlia del mare,

questo tuo negro che ti sta a pregare, pregare, pregare.”

 

Intanto dietro la duna

vedi pian piano calare la luna, la luna, la luna.

 

Il negro lascia il pregare,

guarda la luna e riprende a vogare, vogare, vogare.
 

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here