Notti di lune storte – Gigi D'Alessio

Gigi D'Alessio

Album

È contenuto nei seguenti album:

2014 Ora dal vivo

Testo Della Canzone

Notti di lune storte – Gigi D’Alessio

 

Metti le mie scarpe e viaggia come ho fatto io
E vedrai che sono un uomo mica sono un Dio
L’uomo che hai davanti nella vita ha stretto i denti
Ha capito che si muore solo se ti arrendi
Quanti giorni per il mondo solo per suonare
Quanti aereoplani e la paura di volare
Ho trovato un figlio già cresciuto che parlava
Io non ho una foto insieme a lui quando giocava
Quante notti e quante lune storte
Con le mani sopra un pianoforte
Calda e amara l’acqua che ho bevuto
Quanti piatti freddi che ho mangiato
Quante notti e quante lune storte
E non arrivava mai la sorte
Ho comprato soldi da un mercante
Perché in tasta non avevo niente
Io
Che ho sempre fatto tutto quanto a modo mio
Mettendo in gioco quello che non era tuo
Se chiedi vedi bene prima quel che dai
La vita da quello che non ti aspetti mai
Metti la mia pelle e viaggia come ho fatto io
E vedrai quanto sudore che ho buttato via
E se durante il mio cammino ho fatto anche un sorriso
Vedi bene che c’è dietro forse è solo un caso
Ora che mi vedi e dici sono un uomo duro
Tu non sai quanto ho sbattuto questa faccia al muro
Le mie sofferenze ti assicuro sono tante
Mi ha tradito sempre quello a cui ho dato il sangue
Quante notti e quante lune storte
Un funambolo su funi sciolte
C’era solo una finestra aperta
Ma non era quella mai la porta
Quante notti e quante lune storte
Ed un fegato incazzato a morte
Mi rialzavo e ricadevo a terra
Mi suonavano tamburi a guerra
Io
Che ho sempre fatto tutto quanto a modo mio
Mettendo in gioco quello che non era tuo
Se chiedi vedi bene prima quel che dai
La vita da quello che non ti aspetti mai
Tosso torì ti tta’lassa,cardia
Na ssikkefsi c’en eci pleo nero’
Na latrefsu’ na camu’ calaria
C’ecessu na’rti a campo danato’
Ce tosso pu ola tua ta ci domena
Evo’ se bbanduneo ma mali pena
Ce tosso pu ola ta ci domena
Evo’ se bbanduneo ma mali pena
Metti le mie scarpe e viaggia come ho fatto io
E vedrai che la fortuna non si chiede a Dio
Troverai ricchezza in chi non ha mai avuto niente
E la povertà in chi è nato ricco e prepotente!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale
con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

 

Accordi

 

Dm Gm9 Dm

Gm7
METTI LE MIE SCARPE
E GIA COME FATTO IO
Dm
E VEDRAI CHE SONO UOMO
MICA SONO DIO
L’UOMO CHE DAVANTI
NELLA VITA STRETTO DENTI
HA CAPITO CHE SI MUORE
SOLO SE TI RENDI
QUANTI GIORNI PER IL MONDO
SOLO PER SUONARE
QUANTI ROPLANI
E PAURA DI VOLARE
HO TROVATO FIGLIO
GIA’ CRESCIUTO CHE PARLAVA
IO NON HO UNA FOTO
INSIEME LUI QUANDO GIOCAVA
Fm
QUANTE NOTTI QUANTE LUNE STORTE
A#m7
CON LE MANI SOPRA PIANOFORTE
Fm
CALDA MARA L’ACQUA CHE BEVUTO
A#m7
QUANTI PIATTI FREDDI CHE MANGIATO
Am
QUANTE NOTTI QUANTE LUNE STORTE
Dm7
E NON ARRIVAVA MAI LA SORTE
Am
HO COMPRATO SOLDI DA MERCANTE
Dm7
PERCHE’ TASTA NON AVEVO NIENTE

FM7
IO
Dm6
CHE SEMPRE FATTO
Am
TUTTO QUANTO MODO MIO
Dm9
METTENDO GIOCO
C#m
QUELLO CHE NON ERA TUO
B6
SE CHIEDI VEDI BENE
PRIMA QUEL CHE DAI
C#m G#
LA VITA DA’ QUELLO CHE
NON TI PETTI MAI

A7 Dm
METTI LA MIA PELLE
VIAGGIA COME FATTO IO
E VEDRAI QUANTO SUDORE
CHE BUTTATO VIA
E SE DURANTE MIO CAMMINO
HO ANCHE UN SORRISO
VEDI BENE CHE C’E’ DIETRO
FORSE SOLO CASO
ORA CHE MI VEDI DICI
SONO UOMO DURO
TU NON SAI QUANTO SBATTUTO
QUESTA FACCIA MURO
LE MIE SOFFERENZE
TI SICURO SONO TANTE
MI TRADITO SEMPRE QUELLO
A HO DATO SANGUE

Fm
QUANTE NOTTI QUANTE LUNE STORTE
A#m7
UN FUNAMBOLO SU FUNI SCIOLTE
Fm
C’ERA SOLO UNA FINESTRA APERTA
A#m7
MA NON ERA QUELLA MAI LA PORTA
Am
QUANTE NOTTI QUANTE LUNE STORTE
Dm7
ED UN FEGATO CAZZATO MORTE
Am
MI RIALZAVO RICADEVO TERRA
Dm7
MI SUONAVANO TAMBURI GUERRA

FM7
IO
Dm6
CHE SEMPRE FATTO
Am
TUTTO QUANTO MODO MIO
Dm9
METTENDO GIOCO
C#m
QUELLO CHE NON ERA TUO
G#m7
SE CHIEDI VEDI BENE
PRIMA QUEL CHE DAI
C#m G#
LA VITA DA’ QUELLO CHE
NON TI PETTI MAI

C#m
TOSSO TORI’ TI TTA’ LASSA,CARDIA
G#m
NA SSIKKEFSI C’EN ECI PLEO NERO’

C#m
NA LATREFSU’ NA CAMU’ CALARIA
G#m
C’ECESSU NA’RTI A CAMPO DANATO’

C#m
CE TOSSO PU OLA TUA TA CI DOMENA
G#m
EVO’ SE BBANDUNEO MA MALI PENA
C#m
CE TOSSO PU OLA TUA TA CI DOMENA
G#m7
EVO’ SE BBANDUNEO MA MALI PENA

Em
METTI LE MIE SCARPE
VIAGGIA COME FATTO IO
E VEDRAI CHE LA FORTUNA
NON SI CHIEDE DIO
TROVERAI RICCHEZZA IN CHI
NON HA MAI AVUTO NIENTE
E LA POVERTA’ CHI
NATO RICCO PREPOTENTE!

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here