Paradis del diaol


Album

È contenuto nei seguenti album:

2007 Paradis del Diaol

Testo Della Canzone

Paradis del diaol di I Luf

Canzoni popolari Lombardia

paradìs del diàol
l’è gna ‘nhó gna ’ndó
al paradìs del diàol l’è iò
l’è gna’ nhà gna’ ‘n fò
l’è gna’ ‘nhó gna’ ‘ndó
al paradìs del diàol l’è hèmpar iò

ò iht tré zìngar hól Büh del Giòn
i m’à ardàt, ciamàt per nòm
i m’à fat le carte, dit-ho la mà
ma i m’à miga dit andó che gée de ‘ndà
i tràa bühca con d’en cortèl
i hè htregàcc pròpe hól piö bèl
dirva, hpalanca, la pórta del cör
an ha ‘ndó ch’en nah, ma mìa ‘ndó ch’en mör

Rit.

an nèh, an crèh, an diènta ècc
cóme la lüna quan l’è pléna
‘n nèh an crèh an diènta ècc
pecàt che nótre ‘n fa ‘n gir apéna
an campa bé o ‘n campa mal
an h’è cóme ‘l lat an dèl congiàl
an pöl balà , an pöl haltà
ma tròp delónt an pöl miga andà

Rit.

al pica ‘l cör, al cur al vét
la cavra bèdola, la bat al tép
con le tàcole de lègn d’ulìa
la èza cola randa la bréda mìa
à-la balade, ma htrìgat mìa
dòpo ‘l fe ‘l rüa la rihìa
ènt i brah, ma mai la crapa
‘npara a ciacolà e a doprà la hapa

Rit.

e quando ‘n dé ‘l röarà la fi
fat troà hènha hcarpì
h’ va mìa al’infèrno hènha hcarpe ai pè
la èza cola randa la turnerà ‘ndré

Rit.

==========================
Paradiso del diavolo

Rit.
il paradiso del diavolo
non è né su né giù
il paradiso del diavolo è li
non è né qua né là
non è né su né giù
il paradiso del diavolo è sempre li

ho visto tre zingari sul “Bus del Jon”
mi hanno guardato, chiamato per nome
mi hanno fatto le carte, letto la mano
ma non mi hanno detto dove dovevo andare
sorteggiavano con un coltello
ma si son fermati proprio sul più bello
apri spalanca la porta del cuore
si sa dove si nasce ma non dove si muore

Rit.

nasciamo cresciamo diventiamo vecchi
come la luna quando è piena
nasciamo cresciamo diventiamo vecchi
peccato che noi facciamo un giro appena
viviamo bene o viviamo male
siamo come il latte nella bottiglia
possiamo ballare possiamo saltare
ma troppo lontano non possiamo andare

Rit.

picchia il cuore corre il vento
la civetta batte il tempo
con la raganella di legno d’ulivo
la vecchia con la falce non piange
cammina piano ma non fermarti
dopo il fieno viene il secondo taglio
vendi le braccia ma non la testa
impara a parlare e ad usare la zappa

e quando un giorno arriverà la fine
fatti trovare senza le calze
non si va all’inferno a piedi nudi
e la vecchia con la falce tornerà sui suoi passi

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

     
LA-   SOL

Rit.
                                LA-
paradìs del diàol
                                   SOL
l’è gna ‘nhó gna ’ndó
MI-           LA-
al paradìs del diàol l’è iò
                          MI-
l’è gna’ nhà gna’ ‘n fò
                           FA
l’è gna’ ‘nhó gna’ ‘ndó
                    LA-                      SOL       LA-       
al paradìs del diàol l’è hèmpar iò

                    
ò iht tré zìngar hól Büh del Giòn
i m’à ardàt, ciamàt per nòm
i m’à fat le carte, dit-ho la mà
ma i m’à miga dit andó che gée de ‘ndà
i tràa bühca con d’en cortèl
i hè htregàcc pròpe hól piö bèl
dirva, hpalanca, la pórta del cör
an ha ‘ndó ch’en nah, ma mìa ‘ndó ch’en mör

Rit.

an nèh, an crèh, an diènta ècc
cóme la lüna quan l’è pléna
‘n nèh an crèh an diènta ècc
pecàt che nótre ‘n fa ‘n gir apéna
an campa bé o ‘n campa mal
an h’è cóme ‘l lat an dèl congiàl
an pöl balà , an pöl haltà
ma tròp delónt an pöl miga andà

Rit.

al pica ‘l cör, al cur al vét
la cavra bèdola, la bat al tép
con le tàcole de lègn d’ulìa
la èza cola randa la bréda mìa
à-la balade, ma htrìgat mìa
dòpo ‘l fe ‘l rüa la rihìa
ènt i brah, ma mai la crapa
‘npara a ciacolà e a doprà la hapa

Rit.

e quando ‘n dé ‘l röarà la fi
fat troà hènha hcarpì
h’ va mìa al’infèrno hènha hcarpe ai pè
la èza cola randa la turnerà ‘ndré

Rit.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here