Un ricordo – Nomadi


Album

È contenuto nei seguenti album:

1994 La settima onda

Testo Della Canzone

Un ricordo – Nomadi di Nomadi

Forse è solo un ricordo del tempo che va, forse è solo

speranza già morta, chissà?

E forse è una cosa che mai si farà, e forse una volta, un

ricordo era già.

Il profumo dell’incenso si riflette, forte e denso, sulla nebbia

del cortile che si alza sulle rive.

Gente in fila sale in barca, pendolari che ogni alba,

riperpetuan laghi e monti, uno spinge i loro giorni.

Nel rumore del carretto, steso sotto il berretto, uno ronfa

già ubriaco, mentre il mulo gira adagio.

Tanti bravi sopra i muri, rimpiangon gli anni duri, e anche

andarla a denunciare, anche un niente può fruttare.

Il gioco degli scacchi, dell’avere per sé, rompe i contatti di

chi scaltro non è.

La stanchezza dei rotti rompe i perché, ma la guerra fra i

tutti, la ordina un re.

Vecchia manda l’acqua, col rumore di risacca, sulla ruota del

mulino, che riempie il suo destino.

Tra le canne di un canale, trilla il liuto del giullare, nel far

finta di esser sordo, intanto trova un accordo.

Cerca una coerenza, la musa di ogni scienza, che armonizza,

varie parti, poi procede senza sbalzi.

Ma la nube sopra il lago, resta il segno di un peccato, dal

mistero sempre uguale, che ci fa inchinare al male.

Certo, viene voglia, di dire: “Ho già dato” a chi inventa

conferme o chi ti chiede un passato.

E forse una cosa che mai si farà è anche una volta un ricordo

era già.

E forse una cosa che mai si farà è anche una volta un ricordo

era già.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Intro: E/A/B/C#-
       A/E/F#/B   x2

E                  A   B              C#-
Forse è solo un ricordo del tempo che va,
A               E    F#               B
forse è solo speranza già morta, chissà?
E             A   B             C#-
E forse è una cosa che mai si farà,
A           E     F#              B
e forse una volta, un ricordo era già.


Il profumo dell’incenso si riflette forte e denso,

sulla nebbia del cortile che si alza sulle rive.

Gente in fila sale in barca, pendolari che ogni alba

riperpetuan laghi e monti, uno spinge i loro giorni.


      A           E            G#                C#-
Nel rumore del carretto steso sotto il suo berretto,
    A             E              F#         B
uno ronfa già ubriaco, mentre il mulo gira adagio.
      A             E        G#               C#-
Tanti bravi sopra i muri rimpiangon gli anni duri
          A            E               B              E
e anche andarla a denunciare, anche un niente può fruttare.


Intro x2

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here