Viva Lenin

Testo Della Canzone

Viva Lenin di Canzoni politiche

Raffaele Mario Offidani (Spartacus Picenus)

Fuggite o schiavi la malinconia
Perché incomincia la felicità
Sullo sfacelo della borghesia
Nasce l’aurora della libertà

Si la bandiera di Lenin s’innalzerà
E nella terra e nel cielo
La legge di Lenin trionferà

L’imboscato guerrier nazionalista
Innaffia i suoi tartufi col Bordeaux
Il povero soldato trincerista
Son tanti mesi che non si sfamò

Si grida il soldato si Lenin verrà
E i vili pescicani
Colpisce con la spada del destin

La pallida figliola della via
Sui marciapiedi il corpo trascinò
La vile e lussuriosa borghesia
Per un tozzo di pane la comprò

Si geme l’afflitta si verrà Lenin
Che mi darà il mio pane
E punirà l’infamia del destin

Nei pressi della lurida galera
Il figlio dell’ergastolano va
E al soffio della rossa primavera
Implora che gli renda il suo papà

Si grida il bambino si viva Lenin
Perché Lenin soltanto
Ritorna l’innocente al suo piccin

Venite libertari e socialisti
Le turbe degli oppressi a liberar
Il santo gonfalone dei comunisti
Sventoli vittorioso in ogni mar

Si grida la folla si Lenin verrà
Viva Lenin ch’è amore
Ch’è faro do giustizia e libertà

Si la bandiera di Lenin s’innalzerà
Nella terra e nel cielo
La legge di Lenin trionferà

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

     
   La             Fa#-      Si-
Fuggite o schiavi la malinconia
   Re             Mi       La
Perché incomincia la felicità
  Do#7                    Fa#-
Sullo sfacelo della borghesia
Si7                      Mi7
Nasce l'aurora della libertà

  La                  Si-      Mi   La
  Si la bandiera di Lenin s'innalzerà
  Si-                  Mi
  E nella terra e nel cielo
     Si-        Mi         La
  La legge di Lenin trionferà 

L'imboscato guerrier nazionalista
Innaffia i suoi tartufi col Bordeaux
Il povero soldato trincerista
Son tanti mesi che non si sfamò

  Si grida il soldato si Lenin verrà
  E i vili pescicani
  Colpisce con la spada del destin 

La pallida figliola della via
Sui marciapiedi il corpo trascinò
La vile e lussuriosa borghesia
Per un tozzo di pane la comprò 

  Si geme l'afflitta si verrà Lenin
  Che mi darà il mio pane
  E punirà l'infamia del destin

Nei pressi della lurida galera
Il figlio dell'ergastolano va
E al soffio della rossa primavera
Implora che gli renda il suo papà 

  Si grida il bambino si viva Lenin
  Perché Lenin soltanto
  Ritorna l'innocente al suo piccin 

Venite libertari e socialisti
Le turbe degli oppressi a liberar
Il santo gonfalone dei comunisti
Sventoli vittorioso in ogni mar

  Si grida la folla si Lenin verrà
  Viva Lenin ch'è amore
  Ch'è faro do giustizia e libertà

  Si la bandiera di Lenin s'innalzerà
  Nella terra e nel cielo
  La legge di Lenin trionferà

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here