23 giugno – Capitale Testo della canzone

23 giugno – Capitale Testo della Canzone. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Trovi la lista completa degli artisti in ordine alfabetico: Discografie e Raccolte

TESTO

Il Testo della della canzone Di: 23 giugno – Capitale

Fischiano le orecchie,mentre suonano gli strucks
Dal telefono,non ho mai saputo nascondere i guai

Gira un po' la testa per il Jin di ieri sera con Sofia
Mi acceca la luce di questa mattina
Passo dopo passo,io non li conterò
Vado contro vento,quando ritorna al sole
Quando la voce sale

Non vedo la fine del mare
Il cielo che cambia colore
Con la testa piena di storie
Ricordi,e un mezzo sorriso

Negli occhi,i colori di Roma
Il traffico,il rumore e l'odore
Ho imparato a sbagliare da solo
E a lasciare sogni sotto il cuscino

(Una mattina ti svegli,senza sapere
Che ora sia,le ossa cigolano
E la finestra prova a fermare la luce
Che sa già di una nuova stagione
Sulla porta le scarpe tremano un po'
Ma il primo passo lo fai
Perchè la strada è ancora troppo lunga)

Se poi il mare aperto,l'orizzonte non ti guida verso casa
Traccia una rotta e scopri chi sei

Passo dopo passo,io non li conterò
Vado contro vento,ma si placherà
Quando ritorna il sole,quando la voce sale

Non vedo la fine del mare
Il cielo che cambia colore
Con la testa piena di storie
Ricordi,e un mezzo sorriso

Negli occhi,i colori di Roma
Il traffico,il rumore e l'odore
Ho imparato a sbagliare da solo
E a lasciare sogni sotto il cuscino





 

Ecco una serie di risorse utili per Capitale in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Capitale

Pubblica i tuoi Testi.
Contattaci: [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here