A Cristo

Album

È contenuto nei seguenti album:

1974 Quando verrà Natale
1974 A misura d’uomo
1975 Bologna 2 settembre 1974

Testo Della Canzone

A Cristo di Antonello Venditti

M’hanno detto
che Cristo è stato a Roma
e janno detto pure
ma ‘ndo’vai, quo vadis?
ariccojete tutto, stracci e idee
ma a Roma no, nun ce tornà

Voj annà forse
finì morì ammazzato
da st’ bboni centurioni che tu sai
che te pregheno
e te fregano tutti i giorni
in nome della loro autorità

Aridatte quatto quatto in Galilea
quella sì che è na terra produttiva
aripjate armeno la terra che era tua
dall’occhio vergognoso
di un Mosè, Moshe Dayan.

Questo ho saputo
per vie non troppo chiare
da un Augusto imperatore
che sta al bar, un ubriacone.

Mo me devi spiegà o mio Signore,
perché adesso
tu non stai né qui né là:
“Fijo mio io faccio il mio lavoro,
turo li buchi ‘ndove li posso turà
adesso so’ impegnato su in Irlanda
e m’hanno pure incastrato nel Vietnam
sti signori che so’ quaqueri rifatti
gli americani hanno inventato angeli
più forti, i phantom X,
che quelli costruiti qui alla bona
non cianno manco er tempo pe’ volà.

Cianno pure messo de mezzo mi cugino
che se chiama sempre Belzebù
e che te devo dì,
io nun me movo,
io cerco er fresco
io me ne sto qui”

Ammazzete Gesù
Crì quanto so’ fichi
ma chissà che me credevo
che stavi a fa
volevo ‘n po’ vedè
io so’ ignorante
per mondo che hai creato,
che stavi a combinà.

Ma la cosa che ce frega
a tutte e ddue
è che noi annamo
tutti li giorni a lavorà
e che guarda un po’,
ma guarda sto destino
ce tocca stacce zitti
zitti bboni e sopportà.

E nun ce facciamo
l’affari nostri.
Nun ce li facciamo pe’ carità;
nun te fa’ l’affari tua
finché la pace non verrà.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
Sol
M'hanno detto
che Cristo è stato a Roma
                            Re
e janno detto
pure ma 'ndo vai -quo vadis?-
                             Do
ariccojete
tutto stracci e idee
      Re                 Sol
ma a Roma no, nun ce
tornà.

Voj annà forse finì morì ammazzato
da stì bboni centurioni che
tu sai,
che te pregheno e te fregano tutti i giorni,
in nome della loro
autorità.

Aridatte quatto quatto in Galilea.
Quella si che è 'na terra
produttiva,
aripjate armeno la terra che era tua
dall'occhio vergognoso
di un Mosé -Moshe Dayan-.

Questo ho saputo per vie non troppo chiare
da
un Augusto imperatore che stà al bar -un ubriacone-,
mò me devi spiegà, o
mio Signore,
perché adesso tu non stai né qui né là:

"Fijo mio, io
faccio er mio lavoro,
turo li buchi 'ndove li posso turà:
adesso so'
impegnato su in Irlanda
e m'hanno pure incastrato nel Vietnam;

Certi
signori che so' quaqueri rifatti -gli americani-
hanno inventato angeli
più forti -i phantom x-
'ché quelli costruiti qui alla bona,
nun cianno
manco er tempo pe' volà.

Cianno pure messo de mezzo mi cugino,
che se
chiama sempre Berzebù,
e che te devo dì, io nun me movo,
io cerco er
fresco, io me ne stò qui".

Ammazzate Gesù Crì, quanno so' fichi
ma
chissà che me credevo che stavi a fà,
volevo 'n po' vedé, io so'
'gnorante,
per monno ch'hai creato, che stavi a combinà.

Ma la cosa che
ce frega a tutti e ddue
è che noi annamo ogni giorno a lavorà
ma guarda
un po', ma guarda 'sto destino,
ce tocca stacce zitti, zitti e bboni e
sopportà.

Intermezzo: come strofa

Sol
E nun ce facciamo l'affari
nostri.
                            Re
Nun ce li facciamo per carità;
Re           Do             Re         Sol
nun te fa' l'affari tua finché
la pace non verrà.

Sol                                              Re
E nun te fa' l'affari tua finché la pace non verrà.
         Re
Do            Re         Sol   Re Sol
Nun te fa' l'affari tua finché la
pace non verrà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here