Bellamore – Iva Zanicchi

Album

È contenuto nei seguenti album:

1988 Nefertari

Testo Della Canzone

Bellamore – Iva Zanicchi di Iva Zanicchi

(Enzo Miceli – F. Bixio – Enzo Miceli)

Può capitare nella vita
di sentirsi cosi.
Guardarsi e poi dire è finita
come se
fosse un fatto inevitabile
da prendere così,
fare finta che va bene
e dire sì.
Stanotte non sei qui e per questo
ti detesto,
mediterranea poesia,
mediterranea…
Quale uragano sarai?
Quali fianchi africani stavolta violenterai?
Vento caldo che tagli i deserti dell’Algeria,
bellamore perduto a un minuto da casa mia.
Quale uragano sarai?
Quante raffiche al cuore stanotte mi sparerai?
Bellamore che gusto il tuo fiato e non so chi sei.
Bellamore che più mi incateni e più ti vorrei.
E adesso che respisro ancora
la tua voglia di me
sull’orlo di una notte sola
penso che
forse è ancora risolvibile
e resto ancora qui,
faccio finta che va bene e dico sì…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here