Il capolavoro

Album

È contenuto nei seguenti album:

1978 Calabuig stranamore e altri
1991 Il capolavoro
1992 Camper

Testo Della Canzone

Il capolavoro di Roberto Vecchioni

Si svegliò, guardò nell’alba e l’alba
era lì senza memoria;
camminò la terra ormai da anni
senza tempo e senza storia:
e fin dove gli occhi andavano
non un suono, non un fiore
rise e raddrizzò le sagome
dei suoi alberi in cartone;
strinse in tasca i semi inutili
come il torto e la ragione:

nel cervello già sfumava l’ombra
e con l’ombra ci viveva…
s’infilò come abitudine
l’ago, quello di ogni sera
e i fantasmi ritornarono
per tenerlo vivo ancora

“Dormi ora, dormi piano:
sei bambino sui sentieri,
l’orzo cresce, l’aria è buona
proprio come ieri;
dormi, forse c’è qualcuno
dormi, forse non sei solo;
dormi, è l’ultimo possibile capolavoro,
dormi, è l’ultimo possibile capolavoro”

Ma il silenzio dei fantasmi intorno
si riempì con un rumore
e un cavallo appena nato un giorno
lo guardò senza capire;
annusò quel poco d’alba
fece un passo ma cascò.

Cercò per valli e giorni e mesi
l’erba e l’erba non trovò:
e sudò per farlo stare in piedi
ci provò e ci riprovò
qualche favola degli uomini
Ogni sera gli inventò:
ma era disperato e inutile
dargli fiato vicino,
era come allontanarsi un po’
la pistola di un mattino…

“Dormi ora, dormi Piano,
che le stelle vanno via;
dormi, ti alzerai domani
cosa vuoi che sia?
Dormi e tornerà la neve
dormi, il grano sarà d’oro;
dormi e vivi tu sei l’ultimo capolavoro:
tu sei l’ultimo Possibile capolavoro”

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here