La linea sottile

Stampa Testo                                    

Album

È contenuto nei seguenti album:
2010 Arrivederci, mostro!

Testo Della Canzone

La linea sottile di Ligabue

A mia volta mi fido del mondo
se sapessi le botte che prendo
Non c’è modo di starsene fuori
da ciò che lo rende tremendo e stupendo.

per il cielo è un po’ presto
per l’inferno non c’è posto
per qualcuno è solo buio pesto

C’è una linea sottile
fra tacere e subire
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?

una faccia che sembra destino
e un vecchio che torna bambino
e traguardi che sono partenze
e un tramonto che è come un mattino

a mia volta mi lascio un po’ stare
e mi faccio un periodo di mare
che a mia volta non è che mi cerco
che poi non si sa cosa posso trovare

fra baciare e mangiare
fra partire e venire
fra la voglia e il piacere
fra la noia e il bicchiere

da che parte vuoi stare?

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
La Fa#m Re Si

La
A mia volta mi fido del mondo
La
non ti dico le botte che prendo
       Fa#m 
Non c'è modo di starsene fuori
              Mi
da ciò che lo rende tremendo e stupendo.
      Re
La canzone è rimasta nel vento
       La
le sorprese che fa il firmamento
     Fa#m
ed i primi che mangiano tutti
             Mi
e gli ultimi pagano tutto quel conto

Re
per il cielo è un po' presto
     La
per l'inferno non c'è posto
      Fa#m               Si
per qualcuno è solo buio pesto
      Re
A mia volta ti apro la casa
     La
e ti trovi davanti un vampiro
          Fa#m
che a mia volta devo succhiare
         Mi                           La
tutto l'amore che riesco a rubare per me

   La
La linea sottile
fra baciare e mangiare
   Fa#m
la linea sottile
tra venire e partire
        Re
C'è una linea sottile
                    Si
fra tacere e subire
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?

A mia volta non smetto d'andare
anche se non si sa ancora dove
a mia volta invecchio alla svelta
perché non rinuncio a una certa illusione

una faccia che sembra destino
e un vecchio che torna bambino
e traguardi che sono partenze
e un tramonto che è come un mattino

per il cielo è un po' presto
per l'inferno non c'è posto
per qualcuno è solo l'antipasto

a mia volta mi lascio un po' stare
e mi faccio un periodo di mare
a mia volta non è che mi cerco
che poi non si sa cosa posso trovare da me

La linea sottile
fra il tuo bene e il tuo male
la linea sottile
tra dormire e sognare
c'è una linea sottile
fra tacere e subire
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?

Re       La           Mi   Fa#m     
  Vuoi vedere che non era niente?
Re       La           Mi       Si
  vuoi vedere che era già tutto lì?
Re      La           Mi       Fa#m
vuoi vedere che è venuto il tempo?
Re        La      Mi
  e che è facile così?
La
La
Fra la voglia e il piacere
fra la noia e il bicchiere
c'è una linea sottile
fra aspettare e scoppiare
cosa pensi di fare?
da che parte vuoi stare?

La linea sottile
fra baciare e mangiare
la linea sottile
fra venire e partire
C'è una linea sottile
fra star fermi e subire
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?

Commenti

1 Trackback or Pingback

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *