Mi manchi – Roberto Vecchioni

Album

È contenuto nei seguenti album:

1979 Robinson, come salvarsi la vita
1984 Il grande sogno
1992 Camper
1997 Roberto Vecchioni raccolta
1998 Vecchioni Studio Collection
2011 Chiamami ancora amore

Testo Della Canzone

Mi manchi – Roberto Vecchioni di Roberto Vecchioni

Così a distanza d’anni aprì la mano
E aveva tre monete d’oro finto
Forse per questo non sorrise
Forse per questo non disse “ho vinto”
Richiuse il pugno, roba di un minuto
Per non sentirlo vuoto
E mi manchi.
E la ragazza fece op-là una sera
E fu un op-là da rimanerci incinta
Vestì di bianco ch’era primavera
E nella polaroid sorrise convinta
Fecero seguito invitati misti
e dodici antipasti
E mi manchi, mi manchi, e mi manchi

E quando dodici anni fa dal bagno
Gli disse “è tardi, devo andare…”
Pensò che si trattasse di un impegno
Non dodici anni senza ritornare
Da allora vinse quasi sempre tutto
E smise di pensare
E mi manchi, mi manchi, e mi manchi

Ma finchè canto ti ho davanti
Gli anni sono solo dei momenti
Tu sei sempre stata qui davanti.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

            D
Così a distanza d'anni aprì la mano
            Em
e aveva tre monete d'oro finto
              A                     A7
forse per questo non sorrise
               D
forse per questo non disse "Ho vinto"
               Em
richiuse il pugno, roba di un minuto,
                 A
per non sentirlo vuoto
         D
e mi manchi.
          D
E la ragazza fece op-là una sera
              Em
e fu un op-là da rimanerci incinta
            A                           A7
vestì di bianco ch'era primavera
           D
e nella Polaroid sorrise convinta
           Em
fecero seguito invitati misti
            A
e  dodici antipasti
        D               Em            A
e mi manchi, mi manchi e mi manchi.

STRUM. D  G7+  G6  A  G  D

E quando dodici anni fa dal bagno
                Em
gli disse "E' tardi, devo andare..."
               A                           A7
pensò che si trattasse di un impegno
             D
non dodici anni senza ritornare
              Em
da allora vinse quasi sempre tutto
            A
e smise di pensare
        D            Em              A
e mi manchi, mi manchi e mi manchi.
Em                                     A
Ma finché canto ti ho davanti
D                 F#7        Bm    D/A
gli anni sono solo dei momenti
Em                     A           D
tu sei sempre stata qui davanti.

G7  G6  A  G  D

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here