‘O guardamacchine

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

'O guardamacchine di Sergio Bruni

(S. Palomba – Sergio Bruni)

Parlato:
A Napoli noi siamo stati sempre specialisti
a inventare mestieri, perché la fatica,
se non ce la inventiamo noi…nun se magna!
Venite avanti, dottó’…

(canto)
Io esercito il mestiere ‘e guardamachine,
la più moderna e nuova professione
ca, manco a dirlo sta sultanto a Napule:
Ll’avimmo fatta nuje chest’invenzione!
E’ nu mestiere serio…
No comme crede ‘a gente!
s’ha da sapé distinguere…
nun è na cosa ‘e niente!
Pecché a guardá ci vuole l’abitudine,
ce vò’ ll’applicazione e ll’esperienza…
che a forza ‘e mme guardá Capre e Pusilleco,
io sóngo addeventato n’arco ‘e scienza…

Parlato:
Certo ca pe’ purtá ‘a famiglia annanze
ce vularríano sittanta, uttanta machine al giorno…
ma ‘o vico è stritto e nun c’è che fá…
Allora avevo pensato di adattare il mio vascio
a garage…ma nun è stata cosa! – Come dite? –
L’autorizzazione del Comune?…
Eh!…Nun ‘a tengo! Mi sono fatto autorizzare
da mia moglie e cinque figli…
Cinque figli, dottó’…
– Comme?…-

(Canto)
Dint’a chesta cittá addó’ tutte abusano,
campanno ‘ncoppe spalle ‘e tanta gente…
mo va a finire, come dice il vigile,
ca ll’abusivo sóngo io sulamente?!
Ma quale abuso e abuso…
Ll’abuso è chillo eterno:
chillo ‘e campá annascuso
pure do Pataterno!
Certo, fosse cchiù giusto a stare in regola,
tené mille licenze e documente…
Ma dimme, chesto commo ppuó’ pretennere
si tutto, ccá, se fa abusivamente?!

Parlato:
Venite avanti, dottó’…
Ogni tanto si legge sui giornali: Napule
nun ce ‘a fá cchiù…Napoli muore! E se capisce!…
Chille ‘e guvernante nun fanno niente…Ma ‘sta
storia ha da ferní! Dottó’, accussí nun se pò ghí
annanze…Quacche cosa s’ha da fá!
Jammo…

(Canto)
Diciteme addó’ stanno chesti ffabbriche?
Ll’industria nosta? Sta dinto Furcella!
‘E bancarelle, ‘o contrabbando, ‘e diebbete…
e pe’ magná ce abbruciano ‘e ccervelle!
Ogne ghiuorno, è n’esercito
ca scenne ‘mmiez’â strata
e fa chello che cápita
pe’ s’abbuscá ‘a jurnata…
Io faccio stu mestiere ‘e guardamachine
e tengo nu lavoro assicurato…
Manco cu ‘e ccannunate a me mme smòvono:
Ho un posto fisso: mme sóngo piazzato!

Mo nun mme credo cchiù prumesse e chiacchiere:
‘A panza nun se jenche cu ‘a pacienza…
E, ‘mmiez’a tutte chille ca s’arrangiano,
io sóngo addeventato n’arca ‘e scienza!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here