Ragazza di campagna – Claudio Baglioni

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1973 Gira che ti rigira amore bello (Lato A)
1992 Ancora assieme
2006 Gli altri tutti qui – Seconda collezione dal 1967 al 2006 (Cd 1)
2007 Buon viaggio della vita (Cd 2)

Testo Della Canzone

Ragazza di campagna – Claudio Baglioni

(di: Claudio BaglioniAntonio CoggioTony Mimms)

Chiudi a chiave la porta
mi fai un poco pena
un ceffone sul viso
a letto senza cena
Quel rossetto a tuo padre
non e’ andato giu’
e ti bruciano ancora
quelle cinque dita
mentre asciughi gli occhi
ma non sei pentita
“Babbo me la paghi
domani scappo via”
Ti avvicini allo specchio
sfili via la gonna
mica male le gambe
sembri gia’ una donna
un bottone poi un altro
e la camicia e voila’
vola sopra il como’
e le scarpe piu’ o meno
la stessa fine
quelle calze pian piano
come hai visto al cine
poi ti alzi in piedi
e quel che avevi
non l’hai piu’
Guardi in giu’
se il tuo seno e’ un po’ di piu’
se e’ un po’ cresciuto
tiri su i tuoi capelli
fai le facce strane
come in un film muto
“Sara’ un peccato giuro
non lo faccio piu’
caro Gesu’ Giuseppe Maria
siate la salvezza dell’anima mia
La camicia da notte
quella di tua nonna
poi ti soffi il naso
metti a posto la gonna
togli via il rossetto
e con l’acqua del catino
ci annaffi i lilla’
Ti fai un giro di valzer
con il tuo cuscino
fai a meta’ del pane
con il canarino
poi con un gran salto
fin sopra il letto opla’
Ecco qua come cena pane ed unghia
e non ti piace
cosa fa quel fumetto
poi ti va perche’
l’attore e’ bello e audace
il segno della croce
e poi lo metti via
“Caro Gesu’ Giuseppe Maria
vi dono il cuore e l’anima mia”
Fissi a lungo un trave
ma che hai da pensare
la faccenda e’ grave
tra molliche e zanzare
pancia sotto di fianco
bevi un sorso d’acqua
ti rigiri ma dentro cos’hai
E poi per guardarti
ancora nello specchio
tiri su’ la camicia
ti alzi su’ in ginocchio
c’e’ un rumore smorzi il lume
ebuona notte al secchio!
Trattenere il fiato
era stata dura
fermo li’ a guardare
dentro la fessura
poi ti inciampo in qualcosa
che razza di figura!
E chissa’ chi hai creduto
fosse nel solaio
se gia’ dormi o ridi
cosa fai nel buio
zitta con tuo padre
senno’ succede un guaio
la la la
la la la

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
     D            A7              D
Intro ........................................
      A7              G              D       C A7
      .......................................

         D
Chiudi a chiave la porta, mi fai un poco pena,
      Dmaj7
un ceffone sul viso, a letto senza cena,
        D7                B7           Em     Em7
quel rossetto a tuo padre non è andato giu'...
     G                      A
e ti bruciano ancora quelle cinque dita,
         D                        Bm
mentre asciughi gli occhi, ma non sei pentita,
       Em             A7          D    G D C A7
"babbo me la paghi: domani scappo via".

Ti avvicini allo specchio, tiri via la gonna,
mica male le gambe, sembri gia' una donna,
un bottone, poi l'altro e la camicia "et voila'" vola sopra il como',
e le scarpe piu' o meno la stessa fine,
poi le calze pian piano, come hai visto al cine,
                                                 D    G D
poi ti alzi in piedi, e quel che avevi non l'hai piu'.

{start_of_chorus}
          Am             B7                Em
Guardi in giu' se il tuo seno e' un po' di piu', se e' un po' cresciuto,

     Gm7         A7            Dm
tiri su i tuoi capelli, fai le facce strane come in un film muto,
Cm7      D7            Gm7           Bbm
sara' peccato? "Giuro: non lo faccio piu',
       F                 Ddim            Gm              A7
caro Gesu', Giuseppe e Maria, vi dono il cuore e l'anima mia"...
{end_of_chorus}

     D
La camicia da notte, quella di tua nonna,
poi ti soffi il naso, metti a posto la gonna,
togli via il rossetto e con l'acqua del catino ci annaffi i lilla'.
Ti fai un giro di valzer con il tuo cuscino,
fai a meta' del pane con il canarino,
poi con un gran salto fin sopra il letto, op-la'.

{start_of_chorus}
Ecco qua, come cena pane ed unghie non ti piace,
cosa fa...? quel fumetto poi ti va, perche' l'attore e' bello e audace,
il segno della croce poi lo metti via,
"caro Gesu', Giuseppe e Maria, siate la salvezza dell'anima mia..."
{end_of_chorus}

Fissi a lungo un trave, ma che hai da pensare?
La faccenda e' gracve, tra molliche e zanzare,
pancia, sotto, di fianco, bevi un sorso d'acqua, ti rigiri, ma dentro
cos'hai?
E poi per guardarti ancora nello specchio,
tiri su la camicia, ti alzi su in ginocchio,
                                  A7            D
c'è' un rumore, smorzi il lume, e buonanotte al secchio...

      G                 A7
trattenere il fiato era stata dura,
      D                     Bm
fermo li' a guardare dentro la fessura,
       Em                       A7         D
poi t'inciampo in qualcosa, che razza di figura!

     G                          D
E chissa' chi hai creduto fosse nel solaio,
        D       F#7        Bm      G
se gia' dormi o ridi, cosa fai nel buio...
          Em                A7            D     A7 D A7 D
... zitta con tuo padre, se no succede un guaio.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here