‘A casa senza sole

Poeti

Poeti Napoletani

Poeti Romani

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

'A casa senza sole di Galdieri

Rocco Galdieri

E ‘a casa, oj ne’! Cagnatela. Lassate ‘e Tribbunale.
Sentite a mme, ca ll’aria pesante ve fa male!
E ghiatevenne ‘e casa ‘ncoppa Santu Martino:
tre cammere, ‘a saletta, ‘na loggia, e ‘nu ciardino
v’abbastano. Tre stanze so’ tutto ‘o munno, quanno
‘nce sta ‘nu muorzo ‘e sfogo pe’ spannere ‘nu panno
pe’ ‘nce piantà ‘na rosa, ‘nu pede ‘e petrusino…
Va! Iatevenne ‘e casa ‘ncoppa Santu Martino!
E ‘a casa, oj ne’! Sta casa d’ ‘a strata ‘e Tribbunale,
ch’è ‘a stessa, ‘a tridece anne, ch’è sempe tale e quale!
Io ‘o saccio, ca ve veco caccià tutte ‘e matine
‘nu tappetiello fatto cu’ ‘e scatule ‘e cerine,
‘nu cupertino giallo cu’ cierti striscie blù,
sciarpe… e nnocche… e robba ca nun se porta cchiù;.
ve veco luvà ‘a povere ‘ncopp ‘a dduie scìure ‘e cera,
‘ncopp ‘a ttre ffrutte ‘e marmulo: ‘na perzeca, ‘na pera,
‘na fica Paraviso cu’ ‘na vucchella ‘e fuoco,
ca ‘na matina, a mmaggio, se scurtecaie ‘nu poco,
ca ve cadette ‘a mano… V’ ‘o ricurdate o no?
E vuie facite chesto ‘a tridece anne, a mò!
‘A tridece anne, sempe! Nononna ve cumbina
‘ncapo ‘na pagliettella, ‘ncuollo ‘na mantellina
culor nucella chiara, ch’era ‘na pulunese…
Quanno?… Aspettate… Quanno teniveve ‘nu mese!
E sempe, a mana a mana, ve porta appriesso a essa,
comme a ‘na cacciuttella; quanno ‘a matina a messa,
quanno, ‘a parrocchia, ‘a sera…
Fora ‘o barcone aspetta
nononno… e legge… fumma… pulezza ‘na scuppetta
d’ ‘a Guardia Naziunale… Ma. … nun appena vede,
cu ll’ uocchie ‘a copp’ ‘acchiara, ca vuje mettite ‘o pede
dint’ ‘o palazzo, corre, v’arape ‘a porta… e fa:
— Quant’ato… ma quant’ato… v’avessem’aspettà?
Vuie… che sapite l’obbligo vuosto, ‘o vasate ‘a mana!
E accussì se ne passa ‘nu juorno, ‘na semmana,
‘nu mese, n’anno… E ll’anne seccano ‘a gioventù,
‘mmiezo a tutta ‘sta rrobba ca nun se porta cchiù!
Vicino ‘o nonno e ‘a nonna ca vanno all’uso antico…
senza tené n’amica, senza tené n’amico…
‘mmiezo a ‘sti frutte ‘e marmulo, nnanza a ‘sti sciùre ‘e cera…
Addò che s’ess’ ‘a spannere n’addore ‘e primmavera
pe tutt’ ‘o quarteniello d’ ‘e rrampe ‘e San Martino!
Addò ch’isseva correre, cantanno, ‘int’ ‘o ciardino
pe’ cogliere ‘na fica, ‘na pera, ‘nu percuoco…
pe’ metterve ‘int’ ‘e ttrezze ‘na rosa comm’ o ffuoco,
pe’ ghì strillanno all’aria fresca d’ ‘a primma sera:
— Comme so’ belle ‘e sciure quanno… nun songo ‘e cera!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here