‘A nuvena

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

'A nuvena di Canzoni Napoletane

(Salvatore Di GiacomoEnrico De Leva)
Sergio Bruni

Nu zampugnaro ‘e nu paese ‘e fora,
lassaje quase ‘nfiglianza la mugliera…
Se partette pe’ Napule ‘e bon’ ora
sunanno, allero allero: Ullèro, ullèro…

E ullèro, ullèro…
(Ma nun era overo:
‘o zampugnaro,
penzava â mugliera…
e suspirava…
e ‘a zampogna, ‘e suspire s’abbuffava…)

Ah…ah…

Cuccato ‘ncoppa paglia, ‘o Bammeniello,
senza manco ‘a miseria ‘e na cuperta,
durmeva, ‘mmiez’â vacca e ô ciucciariello,
cu ll’uocchie ‘nchiuse e cu ‘a vucchella aperta…

E ullèro, ullèro…
che bella faccella,
che bella resélla,
faceva Giesù
quanno ‘a Madonna
cantava: “Core mio, fa’ nonna nonna…”

Ah…ah…

Mmerze vintuno, ‘e vintiduje do mese,
na lettera lle dettero â lucanna…
‘sta lettera veneva da ‘o pagghiese
e sotto era firmata : Marianna…

“E ullèro, ullèro…
sto bene in salute
e cosí spero
sentire di te:
Sono sgravata…
e duje figlie aggio fatto, una figliata.”

Ah…ah…

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e nuje pigliammo ‘e guaje cchiù alleramente…
Tasse, case cadute, freddo e gelo,
figlie a zeffunno, e pure nun fa niente…

Ullèro, ullèro!…
Sunate e cantate!
Sparate! Sparate!…
ch’è nato Giesù!
Giesù Bambino…
E ‘a Vergine Maria s
o tene ‘nzino…

Ah…ah…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here