A tteta

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

A tteta di Canzoni Romane

Sentime, Teta, io ggià cciavevo dato
Che cquarchiduno te lìavessi rotta;
Ma che in sto stato poi fussi aridotta
Nun lìaverebbe mai manco inzoggnato.

De tante donne che mme sò scopato,
Si ho mmai trovo a sto monno una miggnotta
Cìavessi in ner fracosscio unìantra grotta
Come la tua, vorebbìèsse impiccato.

Fregheve, sora Teta, che ffinestra!
Che ssubbisso de pelle! che ppantano!
Accidenti che cchiavica maestra!

Eppoi, cazzo, si un povero gabbiano
Te chiede de sonatte in de lìorchestra,
Lo fai stà un anno cor fischietto in mano!

Pe tterra, in piede, addossìar muro, a lletto,
Come cìho ttrovo dìaddoprà lìordeggno,
Nìho ffatte stragge: e ppe ttutto, sii detto
Senzìavvantamme, ciò llassato er zeggno.

Ma cquanno me sò vvisto in ne lìimpeggno
Drento a cquer tuì fienile senza tetto,
Mìè pparzo aritornà, peddėo de leggno,
Un ciuco cor pipino a ppiggnoletto!

Eppuro, in cuanto a uscello, ho pprotenzione
Che ggnisun frate me pò ffà ppaura:
Basta a gguardamme in faccia er peperone.

Ma cco tté, ppe mmettésse a la misura,
Bisoggnerebbe avé mmica un cannone,
Ma la gujja der Popolo addrittura!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here