Abbasce a la marine

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Abbasce a la marine di Canzoni Pugliesi

Abbasce a la marine se venne lu pesce
e tu, ‘mmghiera me’, nen a ‘uei fernesce.
Quant’è belle lu primme ammore
lu seconde è cchiù belle ancore.

U vì, u vì, u vì ca moeu se ne vene
c’a sigarett’ammocca va facienne u sceme.
Quant’è belle…

E rresta u arve du cielse rosse
sté ci s’u face ‘mmane e ce se tenge u muse.
Quant’è belle…

E rreta u arve de le cerase
ce mett’ la man’ ‘n gul’ e ce se la vase.
Quant’è belle…

O Margherita me’, ma ce tiene ‘n pette?
Chisse non so’ menne, chesse so’ saiette.
Quant’è belle…

O Margherita me’, ma ce tiene sotte?
Tu tiene u spassatiempe de le giuvanotte.
Quant’è belle…

O Margherita me’, ma ce tiene sotte?
Chisse me pare u tubbe de l’acquedotte.
Quant’è belle…

E mienz’o mare ste’ na chianca lesce,
ma quando parlo tu non zi accapesce.
Quant’è-belle…

E me so cazzate u discete, hav’assute o sangh,
a quanta mila muorte tiene e cambesante.
Quant’è belle…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here