Amsia – Uva Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Amsia – Uva


Sono stanco dal mio lato del letto
che mi rifletto in questo schermo
tu che mi spii le mani da sotto il mento
e che mi parli del paradiso e l’inferno
siamo come il vento e il tempo che ci parla
solo che noi non vogliamo ascoltarlo
troppo grandi per tenerci stretti la mano
ma con in mano ancora la paletta e il secchiello
Il cielo in Porpora
le notti in scatola
sotto il cuscino il mare parla di te
sdraiato in Darsena
il caldo soffoca
prendi da bere che facciamo le tre

Milano Copperfield
i fenicotteri
sotto i tuoi baci ho solo lividi che
non ci faranno più
sognar l’America
ormai quel vino ha il sapore di te
Sono stanco ma fai come ti pare
tanto non riesco ad addormentarmi
fuori c’è l’AMSA che lava le strade
e tu che alzi la voce e ti fai luce con il cellulare
mi hai detto che se poi quando ci consumiamo
e ricominciamo
è vero che non ci perdiamo
che ti ricorderai il mio nome
ormai fuori c’è il sole
e io i tuoi occhi marrone

Il cielo in Porpora
le notti in scatola
sotto il cuscino il mare parla di te
sdraiato in Darsena
il caldo soffoca
prendi da bere che facciamo le tre
Milano Copperfield
i fenicotteri
sotto i tuoi baci ho solo lividi che
non ci faranno più
sognar l’America
ormai quel vino ha il sapore di te

Ecco una serie di risorse utili per Uva in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *