Andate per le strade – Canto religioso

Testo Della Canzone

Andate per le strade – Liturgica e Sacra

Rit. Andate per le strade in tutto il mondo,
chiamate i miei amici per fare festa,
c’è un posto per ciascuno alla mia mensa.

Nel vostro cammino annunciate il vangelo
dicendo è vicino il regno dei cieli.
guarite i malati, mondate i lebbrosi,
rendete la vita a chi l’ha perduta. Rit.

Vi è stato donato con amore gratuito,
ugualmente donate con gioia e con amore.
con voi non prendete né oro né argento,
perché l’operaio ha diritto al suo cibo. Rit.

Entrando in una casa donatele la pace,
se c’è chi vi rifiuta e non accoglie il dono,
la pace torni a voi e uscite dalla casa
scuotendo la polvere dai vostri calzari. Rit.

Nessuno è più grande del proprio maestro,
né il servo è più importante del suo padrone.
se hanno odiato me odieranno anche voi,
ma voi non temete, io non vi lascio soli! Rit.

Ecco io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi
siate dunque avveduti come serpenti,
ma liberi e chiari come le colombe
dovrete sopportare prigioni e tribunali. Rit.

Accordi

   
 SI-                RE        SOL     LA
Andate per le strade in tutto il mondo
  FA#               SI-    LA     RE
chiamate i miei amici per la festa
     SI-           SOL      LA         SI-
c’é posto per ciascuno alla mia mensa.

                   SOL          LA         RE
Nel vostro cammino annunciate il vangelo
   SI-         MI-     FA#        SI-
dicendo é vicino il regno dei cieli.
  RE7        SOL     LA       RE
Guarite i malati mondate i lebbrosi
   SI-      FA#-  DO#       FA#
rendete la vita a chi l’ha perduta.


Vi é stato donato con amore gratuito
ugualmente donate con gioia e per amore
con voi non prendete né oro né argento
perché l’operaio ha diritto al suo cibo.

Entrando in una casa, donatele la pace
se c’é chi vi rifiuta e non accoglie il dono
la pace torni a voi e uscite dalla casa
scuotendo la polvere dai vostri calzari.

Ecco io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi
siate quindi avveduti  come sono i serpenti
ma liberi e chiari come le colombe
dovrete sopportare prigioni e tribunali.

Nessuno é più grande del proprio maestro
né il servo é più importante  del suo padrone
se hanno odiato me odieranno anche voi
ma voi non temete io non vi lascio soli.            

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here