Atlantide

Album

È contenuto nei seguenti album:

1976 Bufalo Bill
2003 Viaggio in Italia
2006 Tra un manifesto e lo specchio

Testo Della Canzone

Atlantide di Francesco De Gregori

Lui adesso vive ad Atlantide
con un cappello pieno di ricordi
ha la faccia di uno che ha capito
e anche un principio di tristezza in fondo all’anima
nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata
e a volte ritiene di essere un eroe

Lui adesso vive in California
da 7 anni sotto una veranda ad aspettare le nuvole
è diventato un grosso suonatore di chitarre
e stravede per una donna chiamata Lisa
quando le dice tu sei quella con cui vivere
gli si forma una ruga sulla guancia sinistra

Lui adesso vive nel terzo raggio
dove ha imparato a non fare più domande del tipo
conoscete per caso una ragazza di Roma
la cui faccia ricorda il crollo di una diga?
io la incontrai un giorno ed imparai il suo nome
ma mi portò lontano il vizio dell’amore

E così pensava l’uomo di passaggio
mentre volava alto sul cielo di Napoli
rubatele pure i soldi rubatele anche i ricordi
ma lasciatele sempre la sua dolce curiosità
ditele che l’ho perduta quando l’ho capita
ditele che la perdono per averla tradita.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
Fa
Lui adesso vive ad Atlantide
Mi-
con un cappello pieno di ricordi
Re-
ha la faccia di uno che ha capito
Do7+
e anche un principio di tristezza in fondo all’anima
Re-
nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata
Sol
e a volte ritiene di essere un eroe

Fa
Lui adesso vive in California
Mi-
da 7 anni sotto una veranda ad aspettare le nuvole
Re-
è diventato un grosso suonatore di chitarre
Do7+
e stravede per una donna chiamata Lisa
Re-
quando le dice “tu sei quella con cui vivere”
Sol
gli si forma una ruga sulla guancia sinistra


Lui adesso vive ne terzo raggio
dove ha imparato a non fare più domande del tipo
“conoscete per caso una ragazza di Roma
la cui faccia ricorda il crollo di una diga?”
io la incontrai un giorno ed imparai il suo nome
ma mi portò lontano il vizio dell’amore


E così pensava l’uomo di passaggio
mentre volava alto sul cielo di Napoli
rubatele pure i soldi rubatele anche i ricordi
ma lasciatele sempre la sua dolce curiosità
ditele che l’ho perduta quando l’ho capita
ditele che la perdono per averla tradita

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here