Beneditto ‘o mese ‘austo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Beneditto 'o mese 'austo di Canzoni Napoletane

(FioreLama)

Quanno vène ‘o mese ‘Austo,
tutte ssere faccio festa:
Veco a Rosa senza busto,
Carulina senza vesta…
E Maria, bella e curtese,
sottavoce mm’amminaccia:
“Quanno sponta chistu mese,
te sceppasse ll’uocchie ‘a faccia!”

Quanno vène ‘o mese ‘Austo,
sti ffigliole senza busto,
mme piace d
e gguardá,
de ttuccá,
d
e vvasá…
Ma che spasso, ma che gusto…
Beneditto,
beneditto,
beneditto ‘o mese ‘Austo!

‘Nterr’â spiaggia…Vi’ che sole!
Manco ‘o mare mme rinfresca…
Ch’aggia dí? Chesti ffigliole,
sóngo ‘o ffuoco ‘nfacci’a ll’ésca!
Veco ‘a rossa, ‘a bionda, ‘a bruna…
Cierti piezze speciale:
“Signurí’, bona furtuna!
Site asciuta da ‘o spitale?…”

Quanno vène ‘o mese ‘Austo

Quanno vène ‘o mese ‘Austo,
ogne femmena ‘o ffa apposta…
no p
o caldo…no…è pe’ gusto
ch’addeventa faccia tosta!…
‘Nnanz’a me, ‘a signora a porta,
pe’ se fá na sciorta ‘e risa,
passa e spassa fora porta,
sulamente cu ‘a cammisa!…

Quanno vène ‘o mese ‘Austo

Cantata in teatro:

Quanno vène ‘o mese ‘Austo,
vuje ca state ‘int
e ppultrone,
ve credite ch’esce ‘arrusto?…
chelle, invece, só’ canzone!
Só’ canzone scritte apposta
pe’ stu pubblico galante…
Perdunate ‘a faccia tosta…
mé’, cantammo tutte quante:

Quanno vène ‘o mese ‘Austo

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here