Boccuccia de ‘no pierzeco apreturo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Boccuccia de 'no pierzeco apreturo di Peppe Barra

(La più famosa e primitiva delle villanelle ricordate
dal Basile, Sgruttendio, Galiani e attribuita al mitico
cantatore popolare detto Velardiniello)

C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
Boccuccia de ‘no pierzeco apreturo
mussillo da na fica lattarola
G. Mauriello:
s’io t’aggio sola ‘int’a chess’uorto ‘nce resto muorto
C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
‘nce resto muorto
si tutte ‘sse cerase non te furo.

C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
Tanto m’affacciarraggio pe’ ‘sse mura
finché me dice intra nella scola.
G. Mauriello:
S’io t’aggio sola ‘int’a chess’uorto ‘nce resto muorto
C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
‘nce resto muorto
si tutte ‘sse cerase nun te furo.

C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
E si ‘ce saglie ‘coppa de ‘ssa noce
tutta la scogno pe’ sta santa croce.
G. Mauriello:
Ahimé ca coce, te farraggio dire e resentire
C.D’Angiò – P. Barra -G. Mauriello:
e resentire
te putarraje ma nun auzà la voce.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here