Buon dì ¬ buon giorno mia bella signora

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Buon dì buon giorno mia bella signora di Italia Ranaldi

(Tentazione)«Buon dì, buon giorno mia bella signora».
«Buon dì, buon giorno gentil cavalié;
cosa volete stamane da me?»

«Nessuna fija voi non avete?»
«Sì ce n’ho una che sta sul montié
a pascolare le sue pecoré».

«O che giudizio di madre e di padre,
avere una figlia così lontà!
la gente che passa la ponno insultà».

«La mia fanciulla è onesta e buona.
è onesta e buona e sa ben parlà,
la gente che passa la lasciano stà».

Il cavaliere rimonta a cavallo,
monta a cavallo e batte i sperò
e in un momento sul monte arrivò.

«Buon dì, buon giorno mia bella pastora».
«Buon dì, buon giorno gentil cavalié;
cosa volete stamane da me?»

«Nel mio baulle ci sta un vestitino,
è fatto apposta a misura per te;
annamo pastora, se vieni co’ me,»

«Il vestitino sì sì lo vorrei,
per ricoprirmi sul mio montié,
ma il cavaliere lontano da me».

«Nel mio baulle ce so’ le scarpette,
so’ fatte apposta pei tuoi bei piedi;
annamo pastora, se tu vuoi venì».

«Io le scarpette sì sì le vorrei,
perché la terra mi brucia a li pié,
ma il cavaliere lontano da me».

Il cavaliere smontò da cavallo,
smontò da cavallo e la strinse al suo sé:
«Cara, non vedi che son tuo fratè!»

«Tu non hai la faccia del mio fratello,
ma hai la faccia di un traditó
e sei venuto a tradirmi l’onó».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here