Cantata di lupara

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Cantata di lupara di Franco Trincale

Ha cantato la lupara
n’altro morto ieri sira
era un gran lavuraturi
si chiamava Salvaturi.

Sutta un alberu agghiurnavu
come fossi che dormiva
nveci è stato assassinato
con due colpi di lupara.

Avia statu in cuntinenti
dentro li fabbriche importanti
avia fattu l’operaio
e cchiù spertu ritornau.

E parlava a li cumpagni
mentre ieva a travagghiari
per la sorte migliorari
di la genti zappaturi.

Salvaturi, tornando
di lu continente
dentro le fabbriche
tornau più emancipato,
più spertu,
e parlava ‘nta li compagni
a li braccianti
per occupari le terre,
per ribellarsi
contro l’oppressione
di lu grosso
padruni agrario, ma…

Lu padruni lu chiamau
«Bada a te, o Salvaturi
tu si un uomo avvisatu
se vuoi essere salvato».

Gente vile e malfattori
de la stirpe senza cori
che vuliti comandare
con la legge di lupara.

E Salvatore continuava
a parlare, e non aveva paura,
e parlava a li picciotti:
«Picciotti! Li terre
amm’occupari,
ci dobbiamo ribellari
come fanno li operai d
i lu Nord, tutti uniti
contro li padroni».
Ma Salvatore non cedette
a li ricatti, e così
lu padruni pagau li mafiusi,
l’esecutore de li delitti
che s’appostarti
dietro una siepe,
e quando Salvatori
era a travagghiari
cci spararo a tradimento…

Ciuri russi hannu purtatu
li cumpagni a Salvaturi
c’è na vecchia addulurata
che tu chianci a tutti l’uri.

E c’è misa na balata
dove giace Salvaturi
con la scritta collocata
che fa chianciri lu cori.

E la scritta ne la lapide
dov’è la tomba
di Salvatore Carnevale dice così:

“Ntra lu scuru d’a matina
ccu dui colpi di lupara
ammazzaru a Salvaturi
li mafiusi di la Sciara”.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here