Canti, zuvene e teatri

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Canti, zuvene e teatri di Angelo Maccario

Angelo Maccario – 1958 – musicata da Anacleto Ughes

Eira alura in stüdentin
me piaixeva a bela vita:
canti, zuvene e teatri
e in po’ menu de studià !
O Ventemiglia, scüsime tantu:
t’ava scurdau, nu’ u faron ciü;
ti me piaixi, ti sei a mei ca’,
nu’ te faron mai ciü aspeità
perché te vögliu tantu ben.

Stava a Zena diversi mesi
e me paire u mungugnava
ma de sodi u ne mandava
e nu’ gh’eira ninte a di’.
O Ventemiglia, scüsime tantu (ec.)

Ma de zügnu i me scriveva:
“Vegni figliu a Ventemiglia,
gh’è tu maire ch’a t’aspeita,
gh’è u paise ch’u te vö”.
O Ventemiglia, scüsime tantu (ec.)

Veixin a l’aiga d’a tou scciümaira,
suta l’incantu de ‘stu tou sù,
me ne anderon, o Ventemiglia,
cu’ ina garsuneta a fa’ l’amù
perché ghe vögliu tantu ben.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here