Canzone della non appartenenza – Giorgio Gaber Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Canzone della non appartenenza – Giorgio Gaber

Parlato: Quando mi è capitato di nascere, la maggior parte dei miei
Simili si era allontanata da Dio. E per colmare questo vuoto aveva scelto come nuovo culto
L'umanità con tutti i suoi ideali di libertà e di eguaglianza. Tuttavia non so se per
Coscienza o per prudenza, non riuscendo ad abbandonare completamente Dio, né ad accettare
Fino in fondo l'umanità, siamo rimasti come alla deriva del mondo in quella distanza
Aristocratica da tutto comunemente chiamata decadenza. Insomma siamo nati troppo tardi per
Dio e troppo presto per gli uomini

La grande intesa tra me e l'universo
È sempre stata un mistero
Il grande slancio verso la mia patria
Non è mai stato vero
Il tenero attaccamento al paese natio
Mi sembra l'enfasi pietosa di un mio vecchio zio
Tutto quello che ho, tutto ciò che mi resta
È solo questa mia famiglia che non mi basta

Quando non c'è nessuna appartenenza
La mia normale, la mia sola verità
È una gran dose di egoismo
Magari un po' attenuato
Da un vago amore per l'umanità

La mia anima è vuota e non è abitata
Se non da me stesso
Non so bene da quando l'amore per il mondo
Mi sembra un paradosso
Ma soffrire per gente di cui non si sa l'esistenza
Mi sembra il segno un po' preoccupante di qualche carenza
Tutto quello che provo è una vana protesta
È solo questa mia coscienza che non mi basta

Quando non c'è nessuna appartenenza
La mia normale, la mia sola verità
È una parvenza di altruismo
Magari compiaciuto
Che noi chiamiamo solidarietà

Ma se guardo il mondo intero
Che è solidale e si commuove in coro
I filmati di massacri osceni
Con tanti primi piani di mamme e bambini
Mi vien da dire che se questo è amore sarebbe molto meglio
Non essere buoni

Se provo a guardare il mondo civile
Così sensibile con chi sta male
Il cinismo di usare la gente
Col gusto più morboso di un corpo straziante
Mi vien da urlare che se questo è amore io non amo nessuno
Non sento proprio niente

E invece siamo nati per amare proprio tutti
Indiani, russi, americani, schiavi, papi, cani e gatti
È proprio il mondo della grande fratellanza
Per nuove suffragette piene d'isteria
O peggio ancora è, quella sporca convenienza
Come sempre mascherata dalla grande ipocrisia
La nostra ipocrisia

Quando non c'è nessuna appartenenza
La mia normale, la mia sola verità
È una gran dose di egoismo
Magari un po' attenuata
Da un vago amore per l'umanità

E non ci salva l'idea dell'uguaglianza
Né l'altruismo o l'inutile pietà
Ma un egoismo antico e sano
Di chi non sa nemmeno
Che fa del bene a sé e all'umanità

Un egoismo antico e sano
Di chi non sa nemmeno
Di fare il bene dell'umanità

Ecco una serie di risorse utili per Giorgio Gaber in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *