Canzone della fame

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Canzone della fame di Peppe Barra

Peppe Barra:
Che brutta cosa è a famma! Comm’a miseria nera
è peggio d’ ‘o culera ca te fa cunsumà!
Te vene ‘o mancamento, te vene a debulezza.
Te senti ‘na munnezza e ten’hai ‘a cuccà!

Umberto Bellissimo:
Annanze all’uocchie languide vennene ‘e palummelle!
Ccà, si se scosa ‘a pelle, a’imme fennute ‘e fa!

Peppe Barra e Umberto Bellissimo:
Quann’o sacco è vacante all’erta ‘un se mantene,
e ‘o sanghe rint’e vvene chissà che fine fa!
Te scite ‘int’a nuttata e pienze ch’e stentine
Se so azzeccate ‘e rine pè solidarietà

Peppe Barra:
Fanne rumore ll’osse pure si sbatte ‘e mmane!
Venene ‘e corze ‘e cane, te vonno arrusecà!

Umberto Bellissimo:
E sabato matine ‘o tuonne ‘ e Capemonte
Avette ‘o viente ‘nfronte: m’avett’arretirà!

Peppe Barra:
Te vire rint’o specchie cchiù secche ‘e nu cetrulo,
ch’e ragnatele ‘nculo! Ne, ma che campe a fa

Peppe Barra e Umberto Bellissimo:
Quann’o sacco è vacante all’erta ‘un se mantene,
e ‘o sanghe rint’e vvene chissà che fine fa!
Te scite ‘int’a nuttata e pienze ch’e stentine
Se so azzeccate ‘e rine pè solidarietà

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here