Canzoni Triestine

Biografia

Discografia

Canzoni Triestine
Canzoni Folfloristiche
Canzoni popolari

Album

Canzoni Triestine Album

Tutte le Canzoni

Tutte le canzoni di Canzoni Triestine

Tutti gli accordi

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



3 COMMENTI

  1. TERESUTE (Parodia di “Come Pioveva”)

    Se gavemo incontrado, per fatal combinazion,
    ela imbriaga e mi disfado, in giardin dela stazion,
    dopo un mese la sposavo, me ricordo, un venerdì,
    su dei Frati semo ‘ndadi: ela imbriaga e mi incandi’.
    ‘Pena fora della cesa in “gostilna” semo andai
    e la sera, mi e Teresa, tuti carichi disfai.
    Oh Teresute te jeri un miragio: l’ocio de vetro, la gamba de fagio,
    altri difeti ti no te gavevi, ma te bevevi… ma te bevevi.
    Ghe passavo un bon mensile, che la fazi de magnar,
    ma ‘sta bruta imbriagona la me andava zo a ciuciar,
    dopo averme sbagazado, per trincar, anche ‘l pajon
    con un altro petesèr la xe filada a Monfalcon.
    Una sera te la trovo proprio in zima del canal,
    distirada zo, in tel molo, soto el lume de un feral…
    Ghe go ligado una piera sul colo, la go butada a tre metri del molo,
    e la in tel’acqua un cucal la pareva e la beveva… ‘ssai la beveva.
    (Strumentale, una strofa)
    Oh Teresute te xe in Paradiso, più no rivedo el tuo angelico viso,
    e pel dolor bevo come un imbuto, ma bevo nero… perché son in luto.
    Ma col tempo tuto passa, xe passa’ anche ‘l dolor,
    diexe giorni jero in “Cassa” e torna’ son sul lavor;
    son un giorno capitado, per fatal combinazion,
    duro, imbriago anche disfado, in giardin de la stazion.
    Distirada sul mureto chi te vedo: la Flonflon,
    el mio amore de muleto, co’ no jero imbriagon…
    Ghe go butado i brazi sul colo, e a far l’amor semo andai sul molo,
    e de quel giorno no son più nervoso e bevo bianco… perché me sposo.
    E bevo bianco… perché me sposo…

    Il testo originale è più lungo, una parte l’ho omessa per brevità. Vieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here