Carillon

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1975 Sabato pomeriggio

Testo Della Canzone

Carillon di Claudio Baglioni

di:
(Claudio BaglioniAntonio CoggioBacalov)

Un cofanetto tutto impolverato
e dietro una fotografia
con il tuo primo fidanzato
tenente di cavalleria

sulla tovaglia ricamata a mano
i salatini con il the’
nel tuo salotto veneziano
il cinque,quattro,ventitre’

le gite in barca la tua balia
ed un notturno di chopin
un baciamano una camelia
un manicotto di lapin

e in fondo agli occhi stanchi
ti rimane la malinconia
che sfiora i tuoi capelli bianchi
e poi ti porta via

gesu’ gesu’
dirai
com’ero buffa io
sorriderai
ma un groppo in gola lo sentirai
com’eri bella tu
e adesso cosa sei
un vecchio carillon
che non va piu’

istrumental

in sala di lettura dopo pranzo
distesa sopra il canape’
leggevi trepida un romanzo
con delle frasi un poco “ose'”

e il giovedi’ mattina ad un concerto
coi genitori all’odeon
e tu che t’annoiavi molto
e gia’ pensavi al charleston

i bagni al mare e il tuo cavallo
e un ombrellone di bambu’
le trecce il tuo carnet di ballo
e l’orologio col cucu’

adesso ti han lasciato sola
adesso son fuggiti via
e forse un poco ti consola
la tua fotografia
gesu’ gesu’ dirai

che sciocca sono io
e dal golfino un fazzoletto prenderai
e ti domanderai
se serve star quaggiu’
a un vecchio carillon
che non va piu’

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here