Carta cunusciuta

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Carta cunusciuta di Canzoni Napoletane

(Capillo – Lama)

Ma pecché quanno mme vide
te faje sempe ‘a resatella?…
Cu na scusa e n’angarella
cirche ‘e mezze ‘e mme fermá!…
Ma che tipo te si’ fatta!…
Da che stammo appiccecate,
lasse a uno e piglie a n’ato,
senza maje te mmaretá!…

Po’ mme dice: “‘O vvuó’ sapé?
‘o penziero mio è pe’ te!”

Io po’ dico: “‘Sta canzone
proprio a me mma vuó’ cantá?
Te vulisse fá ragione
ma ‘a ragione nun ce sta…
Siente a me, chistu cunziglio
sóngo chiacchiere perdute…
Tu si’ carta canusciuta:
tu si’ sempe chella llá!”

Nun mme ‘mporta ca tu chiagne!
Mo stu core è indifferente:
Cchiù tu parle e io cchiù nun sento…
pierde ‘o tiempo appriesso a me!…
Tu mme dice: “Ce sta Dio…
nun perdona stu peccato!”
Bella mia chi t’ha penzato?
Che peccato aggi
a pavá?!

E, facenno stu pparlá,
tu te cride ‘e minacciá…

Io po’ dico: “‘Sta canzone

Finale:

Ma stu core è ‘nnammurato
‘e ‘sta carta canusciuta…
N’ata vota c’è caduto,
n’ata vota ‘a pò lassá!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here