Cesira – Franco Califano

Album

È contenuto nei seguenti album:

1977 Tac
2002 White Collection – The Best of Franco Califano (Cd 2)
2005 Non escludo il ritorno (Cd 2)

Testo Della Canzone

Cesira – Franco Califano

(di: Franco CalifanoArandaReinoso)

Da un po’ de tempo come dormi bene!
C’hai er viso verniciato de dorcezza
e solo adesso da che stamo ‘nzieme
m’accorgo che sei proprio ‘na bellezza.

Sei bella come er blu de ‘sta serata…
No, fori piove, ho detto ‘na stronzata.
Faccio solo casini, quanno me metto a fa li paragoni.
Ma che je fa’, er fatto che sei bella e na realtà.

Ma guarda de profilo quer nasetto,
aoh è perfetto pare proprio ‘n gioiello,
m’e costato ‘na cifra pe’ rifallo
ma pare finto mo’ pe’ quanto è bello,
adesso si, che se po’ chiama naso
prima pareva un manico d’ombrello…

Pe datte ‘n bacio diventavo matto
pensavo mo quer naso ‘ndo lo metto?
me s’allargava ‘n faccia fino in fronte,
ammazzalo si quanto era invadente!

Era talmente lungo e spappolato
che usciva fori pure dalle foto,
guardalo adesso, pare pitturato,
sembra ‘n fiore de maggio appena nato.

E l’occhi? Quell ‘occhioni belli?
Ecco, quelli facevi mejo a nun toccalli,
forse te li sei fatti allargà troppo
in proporzione ar naso facce caso,
vorrei che fosse solo ‘n impressione,
se poteva evità ‘st’operazione,
ma mo’ te sto’ a parla’ de perfezione,
mica me vojo mette’ a criticà;
sarà che me ce devo abituà.

Bella sei bella e questa è la realtà!
Du ‘ore e passa pe’ ogni intervento
e ogni botta ‘no stipendio ar vento,
ma a me che me ne frega, so’ contento!

Te se levata pure er doppiomento,
‘n ‘operazione de sei ore esatte,
ma te lo stavi a perde’ fra le tette.

E stato l’intervento più costoso
ma t’ha rimesso l’ordine ner viso.
Io so’ contento,
de spenne in certi casi nun me pento.
Li sordi li guadagno, e me li magno!

Si, ‘nzomma, me li magno, te li magni!
Pe’ dalli a chi te fa’ l’operazioni!
Io che me magno, ‘n pare de’ cojoni!

In casa nostra è entrata la miseria
da quanno investo in sala operatoria,
er frigo fa’ ‘na pena poveraccio
ce sta’ ‘n ‘oliva e ‘ntorno tutto ghiacchio
ma prima o poi lo so che mi rifaccio,
intanto eccote là,
sei così bella, er resto che je fa’.

Ho speso tutto pe’ i rifacimenti,
ma che ce frega basta esse’ contenti!
Penza a quanno che avrai rimesso i denti
come se deve: dritti, bianchi e tanti
e potrai ride come tutti quanti.

Adesso si apri bocca c’hai ‘n casino
pari corpita da ‘na bomba a mano,
ma quanno che c’avrai la bocca nova
vedrai che gusto a ride ce se prova.

Già adesso sei ‘na donna affascinante
potrei portatte quasi fra la gente,
prima come potevo, onestamente,
te perdevi li pezzi come gnente…

Oddio… che sonno… e ora che m’addormo….
da che te sei operata nun c’e giorno,
che nun te guardo finché vie la luce…
quer naso più lo filo e più me piace!

Fra ‘n par de mesi c’e er doppio stipendio
che andrà ar dentista pe’ inizia’ li denti
così continuamo a esse’ contenti.

Io per amore invento mille mosse
pensa che t’ho sposata pe’ interesse
pensavo fossi ricca ‘n quer momento
poi, quanno che ho scoperto er tradimento
me so’ detto – ma sì, co’ ‘n intervento,
‘na ritoccata, quarche plastichetta,
me la rifaccio nova la sposetta –

E così ho fatto, m’ nun c’ho ‘na lira,
ma tu nun sembri manco più Cesira,
mo’ sei ‘na donna ringrazianno Dio
e si permetti er merito è anche mio.

Eccolo! Aricomincia er mal de panza
pe’ pijà sonno devo ave’ pazienza
‘st’appendice cresce a vista d’occhio
dovevo già operamme da parecchio,
so’ anni ormai che c’ho ‘st’infiammazione
e nun me posso fa’ ‘st ‘operazione
perché te devi prima fa’ la bocca,
dopo de quella, poi sotto a chi tocca!

E dopo tocca a me, che ho sopportato
tutto ‘sto tempo. Adesso so’ arivato.!

(Due mesi dopo)

Cesira mia che bocca t’hanno fatto!
Me pare d’avé mille donne a letto…
sei diventata bona pure sotto…
stasera qui succede “Caporetto”!

Cesira me stai a fa’ diventa’ matto.
Er patrimonio speso? È benedetto!

Ma che te s’e indurito pure er petto?
Sei diventata sexy tutt’a ‘n botto…
senti che roba dietro, e ‘sto culetto?
Che l’hai tirato fuori dar cassetto…
Cesi’ mettete mejio vie più sotto
stavorta te combino er quarantotto…
c’ho er core che me ‘sta’ scoppianno ‘n petto
so’ emozionato come un ragazzetto…

Cesira mia mettete bene sotto…
Ecco.. cosi.. Cesi’… Cesira mia…

Oddio l’appendicite, Croce mia…
senti che fitte, li mortacci sua…
questa è peritonite mamma mia
nun ce la faccio, me fa’ troppo male
telefona de corsa in ospedale
Cesi’ ‘stavorta qui va’ a fini’ male
forse sto’ a vive l’attimo finale.

Stamme vicino stringeme ‘na mano,
io moro, già me sento veni meno,
mo che sei la più bella donna ar monno,
mo che t’ho fatta nova st’o morenno.

Cesira mia sto’ a pezzi dar dolore
e sento che me sta cedendo er core,
Cesi’ quanto sei diventata bella
una così non poi che fabricalla,
io l’ho voluta ‘sta ricostruzione,
parla de me damme soddisfazione.

Ognuno c’ha quarcosa de cui e fiero
tu sei senz’altro il mio capolavoro.

Cesi’ sto per’ mori’ sto a spicca’ er volo.
Che t’ho da di’ se rivedremo in cielo…
Addio Cesi’… come me rode er culo!…



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here