Che scià  bbindette Urtone

Cerca Canti Per Titolo: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V Z W Y

Testo Della Canzone

Che scià bbindette Urtone di Canzoni Abruzzesi

Testo di Luigi Dommarco
Musica di Guido AlbaneseQuande lu sole sponde a la marine
e l’Uriintèle père che zi ‘ndore,
li varche nghe li vele fora fore
salute lu paese e zi ne vè.
Li giuvinette dorme spinziirète
sugnènne ca lu spose è da vicine;
a San Tumasse sone matutine,
la gente già cumènze a fatijè.

Che scià bbindette Urtone,
stu mère belle e st’aria accuscì fine,
sti giuvinette è rose di ciardine.
Che scià bbindette Urtone.

Appena ch’à sunète mezzijuorne
la giuvinette lasse la fatijje,
da la finestre guarde pe la vijje
e pènze ca lu spose n’arvè cchiù.
Archiude la finestre suspirènne;
z’armire a lu spicchiette traditore,
zi vede siempre belle pe l’amore
pecchè nen more mè’sta giuventù.

Che scià bbindette Urtone,
stu mère belle e st’aria accuscì fine,
sti giuvinette è rose di ciardine.
Che scià bbindette Urtone.

La sere che la lune ‘m mezz’à mère
zi pavunegge e ride gni na spòse,
la giuvinetta bella e cuntignose
z’affaccia a lu balcone pe cantè:
«O luna lune arpuòrtimi l’Amore,
ardàmmi l’alligrijje e la spiranze,
stu core pe scurdè la luntananze
aspètte e preghe e nin zi stanche mè’»

Che scià bbindette Urtone,
stu mère belle e st’aria accuscì fine,
sti giuvinette è rose di ciardine.
Che scià bbindette Urtone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here