Cunto ‘e lampare

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Cunto 'e lampare di Canzoni Napoletane

(di Enzo Bonagura – Renato Recca)
Canzone finalista al festival di Napoli del 1961
Claudio VillaMario Trevi

Interpretata da :
Franco RicciMario AbbateSergio BruniWanda Romanelli

Nu paese
puveriello…
scale, rocce,
stradulelle…
sbatte ‘o mare,
corre ‘o viento
varche e vele
a turmentá…
E’ partuto
nu straniero,
è rimasta
na figliola…
tutte nnotte,
na fenesta…
arde ‘nnanze a nu chi sa…

Falle nu cunto ‘e lampare,
mare,
mare…
Ogne fiammella ca sponta,
conta,
conta…
Dille ca sta pe’ turná,
nun ‘a fá chiagnere…
Falle n’altare ‘e lampare,
mare,
mare…

Luntananza
senza pace,
piscature
senza voce…
Penza ognuno:
– Nun ll’ha scritto!
Desiderio

Tenevo na chitarra e s’è scurdata,
na piantulélla ‘e rose e s’è appassuta…
Tenevo a te, funtana ‘e chesta vita,
e mo, st’ammore mio, se more ‘e sete…

Desiderio!
Desiderio ‘e stu core…
primmo e ùrdemo ammore,
ca more cu me!
Si’ na spina,
si’ turmiento, si’ pena…
ma io nun voglio a nisciuna,
io desidero a te.

Comm’a nu sciore, ‘e ffronne, a una a una,
da ‘o core mio, sceppaste cu sti mmane…
Faje mille ‘nfamitá…ma io te perdono,
pecché nun campo senza stu veleno!

Desiderio!
Desiderio ‘e stu core…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here