Dejavu – Tamì Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Dejavu – Tamì

Stringo forte un pugno di mosche
e una cartina per tornare da te
lei che ha perso negli anni trascorsi
mentre parlo ad una parte di me

E osava nascondersi dietro agli angoli delle strade
ascoltava l'inverno aspettando l'estate.

Come mai non ti trovo più
Vorrei vedessi il mondo da quassù
il mondo da quassù
non lo so se ti ho perso un giorno
sto vivendo la mia gioventù
ma ogni volta che sto in piazza
sembra di vivere un dejavu

(sembra di vivere un dejavu)

Pensavo di conoscermi ma ora non credo
pensavo fossi d'acqua e forse eri vero
(eri vero)

mi perdevo nei miei stessi occhi
allo specchio chiedendomi se esisto davvero.

Questo ricordo vorrei congelarlo
metterlo in vetrina dove posso guardarlo
guardarci da fuori come fossimo attori
film in bianco e nero ma lo vedo a colori

siamo vicini ma si dividono le strade
come se fossi in inverno e tu fossi in estate

e ho pensato un altro giorno
non tornare più
e pensavo fosse un segno
ma forse non eri..

Come mai non ti trovo più
vorrei vedessi il mondo da quassù
il mondo da quassù
non lo so se ti ho perso un giorno
sto vivendo la mia gioventù
ma ogni volta che sto in piazza
sembra di vivere un dejavu.

Come mai non ti trovo più
vorrei vedessi il mondo da quassù
il mondo da quassù
non lo so se ti ho perso un giorno
sto vivendo la mia gioventù
ma ogni volta che sto in piazza
sembra di vivere un dejavu.

Ecco una serie di risorse utili per Tamì in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *