Din don

Testo Della Canzone

Din don di Canzoni Abruzzesi

Testo di Cesare De Titta
Musica di Antonio Di Jorio

Campanelle che suone mattutine,
s’aresbeje ‘nghe l’angele li cille,
ma ci sta ‘na fijole tante ‘bbelle
che je piace lu sonne la matine.

La campanelle pe’ lu cile cante
l’amore mè fa sante nen si vò.
Dindò, dindò Urnelle
tu ‘nghe sta campanelle
nen ti fiè sante, no!

Campanelle che sune mezzejurne,
dije che sete che tenghe e che ‘ppetite
chi mi po’ cummità né mi cummite,
e m’aggire dejune ecche dentorne.

La campanelle pe’ lu cile cante
l’amore mè fa sante nen si vò.
Dindò, dindò Urnelle
tu ‘nghe sta campanelle
nen ti fiè sante, no!

Campanelle che suone vintun’ore,
se ne va poche a ‘ppoche la jurnate,
e chi tè come mè l’alme piagate
‘nu suspire j’aesce da lu core.

La campanelle pe’ lu cile cante
l’amore mè fa sante nen si vò.
Dindò, dindò Urnelle
tu ‘nghe sta campanelle
nen ti fiè sante, no!

Campanelle che suone ‘vemmarie,
è calate lu sole e si fà notte,
tutte sta ‘llegre, ma ‘nu giuvenotte
je se chiude lu core ‘nghe la ‘mbrie.

La campanelle pe’ lu cile cante
l’amore mè fa sante nen si vò.
Dindò, dindò Urnelle
tu ‘nghe sta campanelle
nen ti fiè sante, no!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here