Don Luca Pecorella – Peppino De Filippo

Testo Della Poesia

Don Luca Pecorella – Peppino De Filippo

Don Luca Pecorella,
attempatiello, ‘ncopp’ ‘a cinquantina,
niente pussede e niente vò tené.
Ha ditto sempe: << ‘O munno è ‘na rutella,
avota e gira e torna a ‘o stesso pizzo:
‘a vita è ‘nu capriccio: è ‘nu verrizzo!
Ca tu te prive? Che te prive a ffa’ ?
Astipe? E po’, ched’è? Nun ll’hê ‘a lassà?>>.
Pirciò don Luca campa alleramente.
Nun ghioca, pecchè ‘o juoco,
dice, ‘nnucentemente,
te porta alla miseria a ppoco a ppoco.
E quanno è doppo ch’hê goduto? Niente!
‘A femmena? Per lui la donna è mobile,
come si dice? È quella piuma al vento
ca si lle vene a ggenio
corre add’ ‘o disperato e lass’ ‘o nobile.
Sultanto ‘o vino nun s’ ‘o ffa mancà;
nun è che ‘on Luca fosse un bevitore,
‘nu <<sammuchella>> proprio eccezionale:
lle piace chellu tanto, ‘on Luca dice,
ca gli presenta il mondo al naturale;
ca te fa chiacchierià senza cuscienza:
senz’arte e cummenienza.
Pecchesto, ‘on Luca, quanno nun sta <<in sé>>,
mò sfotte a chisto, mò repassa a chillo.
Nisciuno ‘o tene pere, v’ ‘o ddich’io:
hadda mette ‘ncroce pure a Dio.
Nun pare n’ommo, pare ‘nu guaglione.
Chi ‘o sape, fa vedé ca nun capisce…
ca ride e ‘o cumpatisce;
ma ‘e vvote quaccheduno se risente,
nun sta dint’ ‘a pazzia e ‘o mette a posto:
risponne malamente.
Allora, ‘on Luca ammoccia: se sta zitto.
Indifferentemente s’ ‘a spalomma.
Fila diritto,
dicenno sottovoce a quacch’amico:
<<mò succedeva ‘o ‘nguacchio!>>.
Ma nun appena avòta, ‘a copp’ ‘o vico,
allazza ‘nu pernacchio.
‘A casa, sempe storie cu ‘a mugliera:
<<giesù, che sciorta nera.
Ma chi me t’ha mannato? Schiuvazione!
Si chisto abbusca, embè, Madonna mia
ca scanze a tutte quante,
chello ca vuo’ te dongo:
pure ‘a vista!>>.
Ma ‘on Luca lle risponne: <<o te ignorante:
io sono un “omorista”!>>.
E accussì fuje ca sabato passato,
‘int’ ‘a cantina ‘e Peppe <<muss’attone>>,
don Luca, pe’ miracolo, scanzaje
‘nu bruttu paliatone.
Avette a ddi’ cu Tore ‘e Mandarine;
dicette <<oj Tò, m’hê ‘a di’ che differenza
passa ‘nfra te e ‘o vojo sott’ ‘o traino>>.
<<io che ne saccio>>, risponnette Tore,
e ‘on Luca lle dicette: <<t’ ‘o ddich’io:
fra te e il bue ci sta grande attinenza,
e il conto torna;
si ‘o povero animale
cade e se spezza ‘e ccorne
s’è ‘nguajato
pe’ tutt’ ‘a vita;
ma si t’ ‘e spiezze tu, cumpagno mio,
mugliereta t’ ‘e mette ‘n’ata vota!>>.
A chesto succedette ll’ira ‘e Dio.
Tore mettette mano a ‘na sfarziglia,
don Luca pe’ mmiracolo fujette,
venette ‘o serra serra, ‘o parapiglia;
ma, sott’ ‘a porta, Tore lle dicette:
<<nun te vaco truvanno, carugnò;
ma, si te trovo, tiene appriparato
‘nu letticciullo ‘ncopp’ ‘e Pellerine:
‘na palla ‘mmocca e una ‘int’ ‘o custato:
chesto t’ ‘o ddice Tore ‘e Mandarine!>>.
<<giesù!>> dicette ‘a gente, <<mamma mia!
Ch’avite fatto, ‘on Lù? Giesù e Maria!
Cu Tore ‘e Mandarine? Beneditto!
Mò comme v’ ‘a spicciate?…>>.
Don Luca rimanette proprio male
E, nun ve saccio di’, da chella sera
nun truvaje cchiù pace.
P’ ‘a stata cammenava preoccupato,
‘a casa nun ce steva ‘nu minuto,
pe’ nun se fa’ truvà.
‘E notte, dint’ ‘o suonno, se scetava
chiagnenno, e po’ alluccava:
<<madonna! Mamma santa! m’ha cugliuto!
‘Na palla ‘mpietto e ‘n’ata dint’ ‘e rine!
Currite! È stato Tore ‘e Mandarine!>>
‘A porta tuzzuliava?
<<chisto è ‘n’appuntamento…>>
penzava ‘on Luca, <<è ‘nu dichiaramento…>>.
Nun se bevevo cchiù ‘nu dito ‘e vino
pe’ sta’ sempe scetato all’occasione.
Pure, cu tutto chesto, ‘na matina,
proprio sott’ ‘o purtone,
dduje guagliuncielle, figlie ‘e boni mamme,
lle ménano ‘nu tracche ‘mmiez’ ‘e gamme!
Fuje tanto forte ‘o schianto
ch’ ‘avetteno purtà ‘int’ ‘a farmacia
pe’ darle ‘nu calmante!
‘A casa chella povera mugliera
nun ‘o ssapeva cchiù ch’aveva fa’.
<<mò ce parl’ ‘i>> dicette,
<<si t’hadda fa’ qualcosa t’ ‘o facesse:
se decidesse.
Fatte truvà. Ch’aspiette, schiuvazione?
Ca moro appresso a tte ‘e palpitazione?>>.
Ma ‘o povero don Luca nun sapeva
nemmeno cchiù risponnere. Diceva:
<<madonna mia:
putevo immaginà? Pe’ ‘na pazzia?>>.
E nun mangiava cchiù, nn’arraggiunava.
Vi giuro ca don Luca Pecorella
nemmeno ‘int’ ‘a ‘nu mese, puveriello,
era arredutto comm’ ‘a ‘na muscella.
Ma ‘na matina ascette albanno juorno,
dicette: <<si mme vuò’, mugliera mia,
stongo ‘a ccà ttuorno.
Statte senza penziero!…>>. E s’ ‘a vasaje.
‘E quatte, ‘e cinche, quase mezanotte,
e ‘on Luca nun turnava.
‘A casa chiena ‘e gente ch’aspettava
quacche notizia e a cunfurtà ‘a mugliera.
<<’A porta!>>. Finalmente ‘on Luca torna…
Ma steva combinato ‘e che manèra!
‘A faccia bianca, bianca comm’ ‘a cera,
tutto stracciato,
tutto ammatuntato:
se manteneva allerto proprio a stiento;
ma ll’uocchie lle redevano:
pareva suddisfatto,
e quanno ‘a gente attuorno addimmannaje:
<<’On Lù? Ch’avite fatto?>>.
<<silenzio!>> rispunnette, senza fiato,
<<tanto haggio fatto ca ll’haggio truvato.
Mugliera mia, me songo liberato:
pe’ grazia d’ ‘a Madonna haggio abbuscato!>>

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here