Dona che te dormivet

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1966 Sei minuti all’alba
1972 Enzo Jannacci

Testo Della Canzone

Dona che te dormivet di Enzo Jannacci

Dona che te dormivet giovedì sera,
dona t’avean promiss de portat al cine
e poeu s’hinn fermaa giò in latteria,
a parlà de folbal cont i amis

Dona col paltò noeuv in mezz a tucc sti omen
omen che t’han guardaa ‘me una bestia rara
e lì a des minut, t’è vegnuu el magon
t’hee piangiuu brasciada al tò coo

E l’amor el gh’è pu
gh’è on bel foss d’illusion
forsi sarann i debit
o forsi tucc ‘sti scioperi
forsi el padron de cà
che l’altr’ier sera l’è sta su a mangià
forse un poo de tusscòss
sì, ma dopo cinch ann
questo l’è il risultato
che l’amor el gh’è pù.

Dona, t’hann dissedaa, t’hee sentii rideven
dona, a leva su el nas e’l coo sporch de gazzosa
rideven, rideven de toeu in gir
t’hee toccaa a rid anca a ti

Dona ’ste veet ‘dré a ’sugaa el nas sporch de gazzosa
dona, ‘vegh nò paura de savé chi el vosa
ma no, el te carezza cont quji sò manasc
el te streppa via, el te ciappa per man

Ma l’amor el gh’è pu
gh’è on bel foss d’illusion
forsi sarann i debit
o forsi tucc quji scioperi
forsi el padron de cà
che l’altr’ier sera l’è sta su a mangià
forse un poo de tusscòss
sì, ma dopo cinch ann
questo l’è il risultato
che l’amor el gh’è pu’
——————————————

TRADUZIONE

Donna, tu che dormivi giovedì sera
Donna, t’avevan promesso di portarti al cine
Perchè poi fermarsi giù in latteria
Parlar di fotbal con gli amici
Donna, col paletòt nuovo in mezzo a tanti uomini
Uomini che t’han guardato come una bestia rara
e di lì a poco, a poco venir su il pianto
ed una smorfia t’imbratta il viso
Sì, ma l’amore..
Quello lì, non c’è più
C’è un bel farsi illusioni..
Forse saranno i debiti
O forse tutti ‘sti scioperi…
Forse sarà il padrone di casa
che l’altra sera è stato su a mangiare
Forse di tutto un pò
Sì, ma dopo tre anni
Questo qui è il risultato che
L’amore non c’è più
Donna t’hanno svegliato
e li hai sentiti ridere
Donna tira su il naso..
è tutto sporco di gazzosa
Ridevan, ridevano..
Come, a prendere in giro
e ti è toccato di ridere, anche a te
Donna tira su il naso
è tutto sporco di gazzosa
Donna, non aver paura
Saper che grida..
Ti accarezza
Con le sue grosse mani
Ti strappan via…
E, e ti porta con lui….
Sì, ma l’amore..
Quello lì, non c’è più
C’è un bel farsi illusioni..
Forse saranno i debiti
O forse tutti ‘sti scioperi…
Forse sarà il padrone di casa
che l’altra sera è stato su a mangiare
Forse di tutto un pò
Sì, ma dopo tre anni
Questo qui è il risultato che
L’amore non c’è più

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here