Don’t panic – Willie Peyote Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Don't panic – Willie Peyote

[Ritornello]
È come svegliarsi in ritardo ubriaco nel giorno del primo colloquio
Potremmo distrarci e far finta mentre continuiamo a nutrirci con l’odio

[Strofa 1]
Il malessere che vomito corrode anche il mio esofago prima di uscire
Versi intrisi, sangue e bile
Per me è fin troppo facile capire
Che continui a maledire perché ti fa male dire che ho ragione Capisco l'assuefazione
A questa merda che propinano in costante rotazione
Cerco soluzione ai miei problemi, la vita è un gioco a premi
Ho il futuro nei miei geni (don't panic)
Niente panico, tranquilli
Pensiamo in prospettiva per i figli dei tuoi figli
Smetteste di figliare come stupidi conigli
Non riempireste il mondo di altri inutili birilli
Che in quanto tali cadono
Dove i più forti sbranano
Questi si sparano a vicenda mentre guardano nel baratro
Io nel buio in fondo sento voci che mi chiamano
L'odio che mi esce dalla bocca è ciò che bramano
Il malessere che vomito corrode anche il microfono
Fa breccia nelle ombre che mi coprono
Scrivo per i posteri pitture rupestri, ma resto anonimo
Non voglio neanche il nome sul citofono
Autolesionismo, San Simone liscio
Non curarti se ho mangiato o di quante volte piscio
Cerco soluzione ai miei problemi
Il fegato e i miei reni, ne ho i coglioni pieni

[Bridge]
(don't panic)
(don't panic)
(don't panic)
(don't panic)
(don't panic)
Niente panico, respira lentamente
Il trucco è far finta di niente
Finché riusciamo a fingere non possono smentirli
(Niente panico, tranquilli)

[Ritornello]
È come svegliarsi in ritardo ubriaco nel giorno del primo colloquio
Potremmo distrarci e far finta mentre continuiamo a nutrirci con l’odio
È come svegliarsi in ritardo ubriaco nel giorno del primo colloquio
Potremmo distrarci e far finta mentre continuiamo a nutrirci con l’odio

[Strofa 2]
Il malessere che vomito corrode anche il mio esofago prima di uscire
Versi intrisi, sangue e bile
Per me è fin troppo facile capire
Che se fingi di scappare non per forza vuoi uscire
Il malessere che vomito corrode anche il mio esofago prima di uscire
Versi intrisi, sangue e bile
Per me è fin troppo facile capire
Che se fingi di ascoltare non per forza stai a sentire

[Outro]
(don't panic)
(don't panic)

Ecco una serie di risorse utili per Willie Peyote in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *