Dov’è

Introduzione

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Dov'è di Alessandro Errico

Dov’e’ il raggio che mi scaldo’
dov’e’ la voce che mi parlo’
dov’e’ la mano che mi sfioro’
la cerco ma forse e’ ancora qui con me
Lo so che l’anima non ha regole e’ sempre cosi’ dissonante
col mondo e con le sue risposte e poi via lungo il fiume della follia
che ha bisogno di concetti tendenzialmente instabili per sopravvivere
Amore mio e’ finita l’estate e i nostri sogni cambiano stagione
le nostre facce hanno bisogno di nuova ispirazione
amore mio come siamo instabili continuamente a saldare debiti
io credo che non smetteremo mai
Dov’e’ ma l’anima non esiste
e’ solo una proiezione un concetto un’illusione
un’illusione che viaggia lungo gli argini di un fiume in piena
che ha bisogno di concetti tendenzialmente instabili per sopravvivere
Amore mio e’ finita l’estate e i nostri sogni cambiano stagione
perche’ ogni uomo e’ sempre a caccia di nuova ispirazione
Amore mio come siamo fragili continuamente a saldare debiti
io credo che non smetteremo mai
Dov’e’
quel sogno che oramai fa piangere perche’ lo sai questa vita va da se’
dov’e’ dov’e’
e’ la piu’ triste verita’ che morira’ insieme a noi
Dov’e’
la mano che mi sfioro’
la prova che esisto la cerco ma amore mio
come siamo instabili
continuamente a cercare debiti
io credo che non smetteremo
che non smetteremo
che non smetteremo
Dov’e’ il raggio che mi scaldo’
dov’e’ la voce che mi parlo’
dov’e’ dov’e’

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here